Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il plenum si è riunito e ha messo la parola fine all'incompatibilità parentale

CASO SCHIAVON ARCHIVIATO PER SOPRAGGIUNTE DIMISSIONI

L'ex presidente del tribunale di Treviso rischiava il trasferimento


TREVISO - (gp) Caso archiviato per sopraggiunte dimissioni. Si è chiusa senza un nulla di fatto la partita tra Giovanni Schiavon, ormai ex presidente del tribunale di Treviso, e il Consiglio Superiore della Magistratura. Martedì infatti doveva riunirsi il plenum in via straordinaria per decidere sulla sanzione da infliggere al magistrato per “incompatibilità parentale con il figlio che svolge la professione di avvocato”. A chiedere all'assemblea di Palazzo dei Marescialli il trasferimento di Schiavon era stata la Prima Commissione con 5 voti a favore e soltanto uno contrario, quello del togato di Unità per la Costituzione Riccardo Fuzio. Lo stesso Schiavon aveva definito una “porcheria” il suo possibile trasferimento d'ufficio in primo luogo perchè il figlio è sì un avvocato ma del foro di Venezia e a Treviso non ha mai esercitato, e in secondo luogo perchè il Csm, alla notizia delle sue dimissioni da presidente del tribunale e da magistrato, aveva risposto rendendo pubblico un possibile esito dell'udienza ancor prima che l'udienza si tenesse. Una sentenza già scritta insomma, secondo Schiavon, che è stata di fatto la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Tra l'ex presidente del tribunale e il Csm non corre infatti buon sangue, e un esempio lo si è avuto poco più di un mese fa quando Schiavon venne raggiunto da un ammonimento per aver presieduto a cinque collegi della sezione civile non essendo tabellato. Un eccesso di zelo e di lavoro secondo Schiavon e molti suoi colleghi, una violazione alle regole secondo il Csm che aveva deciso di sanzionarlo.