Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il plenum si è riunito e ha messo la parola fine all'incompatibilità parentale

CASO SCHIAVON ARCHIVIATO PER SOPRAGGIUNTE DIMISSIONI

L'ex presidente del tribunale di Treviso rischiava il trasferimento


TREVISO - (gp) Caso archiviato per sopraggiunte dimissioni. Si è chiusa senza un nulla di fatto la partita tra Giovanni Schiavon, ormai ex presidente del tribunale di Treviso, e il Consiglio Superiore della Magistratura. Martedì infatti doveva riunirsi il plenum in via straordinaria per decidere sulla sanzione da infliggere al magistrato per “incompatibilità parentale con il figlio che svolge la professione di avvocato”. A chiedere all'assemblea di Palazzo dei Marescialli il trasferimento di Schiavon era stata la Prima Commissione con 5 voti a favore e soltanto uno contrario, quello del togato di Unità per la Costituzione Riccardo Fuzio. Lo stesso Schiavon aveva definito una “porcheria” il suo possibile trasferimento d'ufficio in primo luogo perchè il figlio è sì un avvocato ma del foro di Venezia e a Treviso non ha mai esercitato, e in secondo luogo perchè il Csm, alla notizia delle sue dimissioni da presidente del tribunale e da magistrato, aveva risposto rendendo pubblico un possibile esito dell'udienza ancor prima che l'udienza si tenesse. Una sentenza già scritta insomma, secondo Schiavon, che è stata di fatto la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Tra l'ex presidente del tribunale e il Csm non corre infatti buon sangue, e un esempio lo si è avuto poco più di un mese fa quando Schiavon venne raggiunto da un ammonimento per aver presieduto a cinque collegi della sezione civile non essendo tabellato. Un eccesso di zelo e di lavoro secondo Schiavon e molti suoi colleghi, una violazione alle regole secondo il Csm che aveva deciso di sanzionarlo.