Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La mobilitazione indetta dalla Cgil in case di cura e centri di riabilitazione

SCIOPERO NELLA SANITÀ PRIVATA UN MIGLIAIO DI ADDETTI COINVOLTI

Al centro della protesta orario di lavoro e stipendi dei nuovi assunti


TREVISO - (mz) Anche nella Marca, il personale delle strutture sanitarie private incrocerà le braccia mercoledì 12 dicembre aderendo allo sciopero nazionale proclamato dalla Funzione Pubblica Cgil. “Sono anni che le maggiori associazioni dei datori di lavoro, non solo non rinnovano i contratti nazionali ma, paventando tagli occupazionali, fanno di tutto per stipulare nuovi contratti che prevedono salari inferiori a quelli esistenti a fronte di incrementi di orario di lavoro”, ha dettoi Maurizio Sammartino della segreteria provinciale del sindacato di categoria In particolare la Cgil contesta il passaggio da 36 a 38 ore settimanali, senza nessun adeguamento alla retribuzione, previsto dal nuovo contratto (che l'organizzazione non ha firmato) e la disparità economica tra il personale già in servizio e gli assunti dal 1 gennaio 2013. Da una prima stima, pare che due operatori di pari livello e con le medesime professionalità potrebbero percepire anche 200 euro mensili di differenza. La mobilitazione non coinvolge solo i vari centri del “La Nostra Famiglia”, ma anche il San Camillo di Treviso, la Casa di Cura Giovanni XXIII di Monastier, l’Arep e altri centri di servizi ospedalieri e sanitari della Marca, per un totale di circa un migliaio di lavoratori del settore.