Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, l'episodio domenica sera in un dondominio del quartiere di Monigo

CERCA DI ACCOLTELLARE LA MOGLIE E AGGREDISCE I POLIZIOTTI: ARRESTATO

In cella polacco 48enne, terrorizzata la 45enne da cui si sta separando


TREVISO - Completamente ubriaco ha cercato di accoltellare la moglie, da cui si sta separando, e poi ha aggredito una pattuglia della polizia che era stata chiamata ad intervenire dalla donna, terrorizzata. L'episodio, avvenuto nel quartiere di Monigo alle 21.15 di domenica, ha portato all'arresto di un polacco di 48 anni, J.S.. Lo straniero, da tempo in rotta con la moglie 45enne e con gravi problemi di alcolismo, è finito in manette per minacce, lesioni, resistenza, violenza, oltraggio a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità. Il processo per direttissima ha portato lo straniero ad una condanna di un anno e 8 mesi con pena sospesa. L'intervento della polizia è scattato quando la moglie, terrorizzata, chiama il 113: dice di essere stata picchiata e minacciata di morte con un coltello dall'ex compagno con cui convive forzatamente. Quando gli agenti delle volanti giungono sul posto rintracciano la donna che li attende, sconvolta, fuori dal condominio in cui vive. I poliziotti entrano in casa e trovano in camera da letto il 48enne, disteso, seminudo e completamente ubriaco: ai lati ha due coltelli, quelli con cui avrebbe voluto fare a fette la moglie. Lo straniero si ribella agli agenti con insulti, spintoni e botte; per lui inevitabili le manette; i due poliziotti se la sono cavata con 5 e 7 giorni di prognosi.