Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nei guai per spaccio una 25enne di Conegliano e un suo amico di 28 anni

DROGA DELLO STUPRO: CHIAMA I CARABINIERI E DENUNCIA LA FIGLIA

Trovato mezzo litro di Ghb puro al 97%: avrebbe fruttato 9 mila euro


CONEGLIANO – (gp) Trova un flacone di liquido trasparente in camera della figlia, chiama i carabinieri e scopre che si tratta della cosiddetta “droga dello stupro”. A permettere ai militari del Norm di Conegliano di denunciare a piede libero per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti una ragazza di 25 anni e un suo amico di 28, è stato il padre della giovane. L'uomo, non si sa se per caso o perchè sospettasse qualcosa, ha rinvenuto quel contenitore da mezzo litro proveniente dall'Olanda e ha avvertito subito i carabinieri. Le analisi del caso hanno stabilito che si trattava di 500 millilitri di Ghb, la droga dello stupro appunto, pura al 97%. Le indagini successive, durate qualche settimana, hanno stabilito che la coppia di amici aveva acquistato per 100 euro il flacone, giunto a Montebelluna tramite un corriere espresso. Dato il grado di purezza della droga, si stima che potessero essere ricavate circa 900 dosi che, venduta a una decina di euro, avrebbero fruttato ai due 9 mila euro. Uno spaccio destinato per lo più a giovani e giovanissimi.