Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Stroncato da un malore a 62 anni nel garage della sua abitazione a Reggio Emilia

MORTO L'EX BRIGATISTA PROSPERO GALLINARI, IL CARCERIERE DI MORO

Nel 1977, con altri 12 detenuti, evase dal carcere di Santa Bona


REGGIO EMILIA – (gp) Un malore improvviso non gli ha dato scampo. A 62 anni è stato trovato senza vita nel suo garage di Reggio Emilia l'ex brigatista rosso Prospero Gallinari, legato a Treviso per essere evaso dal carcere di Santa Bona il 2 gennaio 1977 assieme ad altri 12 detenuti, quando mancava soltanto un mese alla sua scarcerazione per decorrenza dei termini. La sua storia politica è stata strettamente legata al sequestro e all'uccisione di Aldo Moro, episodio nel quale Gallinari ha svolto un ruolo di primo piano essendo uno dei carcerieri dello statista assieme ad Anna Laura Braghetti, Mario Moretti e il "quarto uomo", che sembra essere Germano Maccari. Per molto tempo era stato anche considerato l'esecutore materiale dell'uccisione di Moro secondo le testimonianze di diversi pentiti, nessuno dei quali però ha partecipato alla gestione del covo di via Montalcini a Roma. Nato il primo gennaio 1951 a Reggio Emilia da famiglia contadina, dopo un'esperienza iniziale nell'organizzazione giovanile comunista Gallinari fece parte del “gruppo dell'appartamento” che si riuniva in via Emilia San Pietro 25 a Reggio. Dopo il “caso Moro” Gallinari venne arrestato nuovamente il 24 settembre 1979 a Roma, nel quartiere Appio, dopo una sparatoria con la polizia nella quale venne ferito gravemente, riuscendo poi a riprendersi dopo essere stato sottoposto a un intervento chirurgico al cervello. Il 24 gennaio 1983 venne condannato all'ergastolo nel primo processo per il rapimento Moro (sentenza poi confermata nei processi successivi). Dopo essere stato colpito nel corso degli anni da diverse crisi cardiache e da un'ischemia cerebrale, aveva ottenuto la sospensione della pena proprio per le precarie condizioni di salute. Da anni era infatti tornato a vivere a Reggio Emilia, nella casa in cui è stato trovato senza vita.

 

foto da corriere.it