Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tornerà in aula ad aprile il processo a caricodi un 26enne di Arcade

ABUSA DI UN BIMBO DI 8 ANNI CON LA SCUSA DELLA PLAYSTATION

Tre gli episodi contestati: l'accusa è di violenza sessuale su minore


ARCADE - (gp) Tornerà in aula ad aprile il processo a carico di un 26enne di Arcade accusato di aver più volte abusato sessualmente di un bambino di 8 anni. Sul banco dei testimoni siederanno gli specialisti di igiene mentale che hanno avuto in cura l'imputato, difeso dall'avvocato Francesco Murgia. L'obiettivo non è solo capire quale fosse lo stato psicologico del giovane in seguito ai fatti che gli vengono contestati, ma anche tracciare un profilo comportamentale antecedente agli abusi per definire la sua capacità di comprendere cosa stesse facendo. Dettagli che potrebbero ribaltare una sentenza che sembra già scritta. Le prove a carico del ragazzo sono infatti diverse, e tutte portano chiudere il processo con una sentenza di condanna. L'accusa parla di tre episodi consumati tra il maggio e il giugno del 2008. L'imputato avrebbe adescato il bambino con la scusa di giocare alla playstation. Due dei tre abusi si sarebbero verificati infatti nella “stanza dei giochi”. Il terzo invece in un campo vicino alla casa della nonna della vittima, dove i due erano andati per fare una passeggiata. A portare alla luce i fatti era stata la sorella del piccolo, che li aveva beccati in camera in atteggiamenti inequivocabili. Non si tratta di rapporti sessuali completi, ma di palpeggiamenti spinti e baci in bocca che hanno turbato il bambino il cui racconto, messo nero su bianco in un incidente probatorio, è stato ritenuto più che credibile.