Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Corte d'Appello di Venezia ha ridotto la pena rispetto a 9 anni del primo grado

MINORE PAGATA PER FARE SESSO: 7 ANNI A UN EX GUARDIA GIURATA

Le accuse: violenza sessuale e induzione alla prostituzione minorile


LORIA – (gp) La Corte d'Appello di Venezia ha ridotto da nove a sette anni la condanna inflitta ad A.M., ex guardia giurata 52enne di Loria finita a processo per rispondere dei reati di violenza sessuale su minore, induzione alla prostituzione minorile, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Secondo l'accusa l'uomo avrebbe pagato per anni una quattordicenne di Cittadella per fare sesso, e l'avrebbe inoltre “venduta” a un cittadino cinese che avrebbe consumato con lei un rapporto sessuale completo. “Si è vero, venivo pagata per fare sesso”. Questa la testimonianza resa in aula dalla vittima, ora 18enne, nel corso del processo di primo grado. In quello d'appello sono stati invece sentiti due testimoni portati dalla difesa, rappresentata dagli avvocati Luca Dorella e Simone Guglielmin, che di fatto hanno spinto i giudici a limare la pena. “Attendiamo di leggere le motivazioni della sentenza – hanno dichiarato i legali dell'imputato – Se la riduzione di pena dipendesse da una qualche scalfitura nella credibilità del racconto della vittima, crediamo ci siano buoni margini per il ricorso in Cassazione che comunque presenteremo”. A incastrare l'ex guardia giurata era stata proprio l'adolescente che ai giudici avrebbe rivelato che faceva sesso con quell'uomo di Loria, facendosi pagare tra i 50 e i 100 euro a prestazione. I primi incontri sarebbero iniziati nel 2007, dopo che i due si erano incontrati in un bar castellano. Prima le chiacchiere, poi una bevuta assieme, in seguito l'invio di qualche foto e l'inizio delle proposte più hard per arrivare a rapporti sessuali costanti che si sono protratti nel tempo.