Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il gip di Bergamo chiude il fascicolo sul 24enne residente a Montebelluna

FIKRI ESCE DALL'INCHIESTA PER L'OMICIDIO DI YARA GAMBIRASIO

Archiviata anche l'accusa di favoreggiamento per il marocchino


BERGAMO - E' stato definitivamente archiviato il fascicolo su Mohamed Fikri, il 24enne marocchino, finora unico indagato per la morte di Yara Gambirasio, avvenuta nel 2010. L'archiviazione è stata disposta oggi dal gip di Bergamo. Fikri, residente a Montebelluna, la notte del 26 novembre 2010, quando fu uccisa la 13enne, era al lavoro in un cantiere di Mapello, nel bergamasco, non lontano da Chignolo d'Isola, dove in un campo, il 26 febbraio successivo, è stato ritrovato il cadavere della ragazzina. L'immigrato era stato arrestato mentre si stava dirigendo in Marocco, sulla base di un'intercettazione telefonica: parlando con un connazionale sembrava aver pronunciato il termine "uccidere", ma la traduzione si è poi rivelata imprecisa. Per questo, dopo essere stato indagato e arrestato, prima per omicidio e poi per favoreggiamento, era stato successivamente rilasciato. Lo scorso giugno la procura aveva chiesto per lui l'archiviazione per il favoreggiamento, dopo che il gip aveva già accolto quella per l'accusa di omicidio. A maggio un incidente probatorio aveva infatti chiarito che Fikri non utilizzò il termine "uccidere" durante le telefonate intercettate. Ora il magrebino esce definitivamente dall'inchiesta.


Galleria fotograficaGalleria fotografica