Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un ragazzo e una ragazza, entrambi di 17 anni, beccati con 150 euro di merce

TENTANO TACCHEGGIO ALL'OVIESSE: GIOVANI MUSICISTI RUSSI NEI GUAI

Scoperti dall'addetto alla sicurezza e bloccati all'uscita del negozio


TREVISO – (gp) Erano giunti a Treviso per un tour di musica folkloristica che li avrebbe portati in giro per l'Italia, ma per due giovanissimi musicisti all'esperienza del viaggio di lavoro si aggiungerà anche una denuncia per furto. Protagonisti di un taccheggio all'Oviesse, in pieno centro a Treviso, un ragazzo e una ragazza, entrambi di 17 anni ed entrambi russi. Stando a quanto denunciato dall'addetto alla sicurezza dell'esercizio commerciale, mentre il ragazzo lo distraeva chiedendo in inglese alcune informazioni, la ragazza sarebbe entrata in camerino infilandosi sotto i vestiti un paio di short e una maglia. Uscendo dal negozio, sarebbe poi passata al di fuori dei dispositivi antitaccheggio, mossa non sfuggita all'addetto che ha fatto rientrare entrambi scoprendo che anche il giovane aveva addosso una camicia presa poco prima da un manichino. In tutto 150 euro di capi d'abbigliamento che i due hanno restituito anche se danneggiati. Il responsabile del gruppo folkloristico, giunto sul posto, ha poi chiesto scusa per i due allievi.