Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per una 55enne disposto anche il pagamento di 5 mila euro all'ex marito per i danni

LA "GUERRA DEI ROSES" DI PAESE: EX MOGLIE CONDANNATA A 6 MESI

Era finita alla sbarra per rispondere del reato di violazione di domicilio


PAESE – (gp) La “Guerra dei Roses” di Paese è finita con una condanna a sei mesi e 15 giorni di reclusione (pena sospesa) e al pagamento di 5 mila euro a titolo di risarcimento. A rimediarla è stata una donna di 55 anni, ex moglie della vittima per l'accusa di violazione di domicilio. I fatti contestati risalgono tra marzo e aprile del 2009. Di comune accordo marito e moglie avevano deciso che la loro storia d'amore era arrivata al capolinea. Per sancire a livello di legge la loro separazione si rivolsero a un giudice che, suo malgrado, diede inizio ai malumori della donna. La casa coniugale infatti venne assegnata al marito, circostanza che non deve essere andata giù alla donna che iniziò a tormentarlo. Proprio in quei due mesi di tre anni fa la 55enne si recò più volte nell'abitazione di Paese scavalcando la recinzione, alta più di due metri, per danneggiarla tirando sassi e pietre contro le finestre. In un'occasione si sarebbe anche imbattuta nella nuova compagna dell'ex marito: ad avere la peggio fu il cane della nuova fiamma che venne preso dalla 55enne e tirato aldilà della recinzione, praticamente lungo la strada. Dopo una lunga sfilata di testi dell'accusa, tra cui un carabiniere che ha dichiarato di aver trovato, il 24 marzo 2009, la donna nel giardino dell'abitazione con una pietra in mano, e della difesa, il giudice ha decretato la colpevolezza dell'imputata.