Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Superlavoro per le ambulanze del Suem in tutta la Marca

GOCCETTO O SCHERZETTO: 25 RAGAZZINI IN OSPEDALE

Notte di Halloween con ubriacature e abuso di stupefacenti


TREVISO - Altro che dolcetto o scherzetto, zucche e travestimenti. Molti ragazzi trevigiani hanno approfittato della serata di Halloween per far festa con molti eccessi. E qualcuno di loro ha rischiato grosso. Sono stati oltre 25 i giovani, in alcuni casi giovanissimi, un po' ovunque nella Marca, che hanno dovuto ricorrere alle cure del Suem la scorsa notte, perchè ubriachi o a causa di malori dovuti all'uso di sostanze stupefacenti. Tra i casi più gravi, quello di un minorenne di Castelfranco che ha pensato bene di festeggiare scolandosi un'intera bottiglia di grappa, sottratta dalla dispensa di casa: una bravata che l'ha finire ad un passo dal coma etilico, scongiurato solo dal pronto intervento dei sanitari e da abbondanti dosi di soluzione fisiologica. Ma parecchi adolescenti hanno dovuto essere trasportati anche al Pronto soccorso degli ospedali di Montebelluna, Oderzo, Vittorio Veneto. A dare l'allarme amici o genitori, spaventati dalle condizioni in cui si erano ridotti i ragazzi, ma anche i gestori di bar e locali trovatisi di fronte a gruppi di ragazzi in preda agli effetti dell'alcol. Per loro, non solo in senso metaforico, una vera “notte delle streghe”.