Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Casale sul Sile, operazione della Guardia di Finanza di Treviso, 65enne ai domiciliari

BANCAROTTA FRAUDOLENTA, ALLA "IONICA" BUCO DA 3,7 MILIONI

Nel crack truffate sette banche e cinque aziende veneziane fornitrici


CASALE SUL SILE - Un 65enne di origini napoletane, Luigi Formisano, arrestato ed ora ai domiciliari a Chioggia per bancarotta fraudolenta, due polacche, la compagna 40enne dell'uomo e un'amica 37enne, denunciate per lo stesso reato e interdette dall'attivita' imprenditoriale. Questo l'esito delle indagini della Guardia di Finanza di Treviso sul crack di un'azienda, la "Ionica srl", nata nel 2007 e dichiarata fallita nel febbraio del 2012. La ditta, specializzata nella commercializzazione di prodotti ittici, aveva una sede operativa a Casale sul Sile in via delle Industrie ed una sede legale a Porto Viro, in un capannone diroccato di via Mantovana. Truffate sette istituti di credito e cinque aziende fornitrici. Il buco creato e' di oltre 3,7 milioni di euro. La ditta si serviva di bilanci e fatture false per ingannare i finanziatori oltre che di due "teste di legno", una romena 37enne ed un uomo 57enne di Adria. In prossimita' del fallimento, nel 2011, venne inoltre simulato il furto della contabilita', persa in una sperduta stazione della Romania. Mercoledì scorso, al termine delle indagini, è stata eseguita l'ordinanza di arresto, firmata dal gip Angelo Mascolo: Luigi Formisano, con precedenti alle spalle per questo tipo di reati, si trova ora agli arresti domiciliari nella sua abitazione di Chioggia. Stando agli investigatori il 57enne si faceva chiamare con lo pseudonimo di “Delfino”. Un nomignolo che evidentemente non gli ha portato bene.

Galleria fotograficaGalleria fotografica