Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dagli altri ristoratori "unanime sorpresa e rammarico"

"BECCHERIE CHIUSE? COLPA DELLE NUOVE MODE E DELLA CRISI DEL CENTRO"

La riflessione del direttore dell'Ascom Piero Tedesco


TREVISO “La chiusura delle Beccherie non è solo la conseguenza della crisi, ma è il risultato di un cambiamento drastico che negli ultimi anni ha cambiato non solo la città, ma l’approccio al consumo ed alla ristorazione”, commenta Piero Tedesco, direttore della Confcommercio trevigiana. La famiglia Campeol, che lo gestisce da oltre 75 anni, ha deciso di abbassare definitivamente le saracinesche del ristorante dove, secondo la tradizione fu inventato il tiramisù. La notizia sta suscitando una mobilitazione in città per tentare di salvare lo storico locale e quella, che lo stesso direttore di Confcommercio definisce una pagina della storia e della cultura, non solo gastronomiche, di Treviso. La causa, ribadisce Tedesco, sta nelle “mode e nuove tendenze, unite ai problemi del centro storico e alle svariate forme di concorrenza che alterano il mercato”.

“Un coro unanime di sorpresa, cordoglio e rammarico”, così Paolo Fantin, presidente del Gruppo ristoratori della Marca, definisce la reazione dei colleghi alla notizia. “Con le Beccherie – afferma il presidente - se ne va un pezzo di storia del nostro lavoro, costruito negli anni con fatica, dedizione e ricerca continua per sostenere i valori della tipicità e della tradizione. Siamo tutti amareggiati”.