Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

NovitÓ di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dagli altri ristoratori "unanime sorpresa e rammarico"

"BECCHERIE CHIUSE? COLPA DELLE NUOVE MODE E DELLA CRISI DEL CENTRO"

La riflessione del direttore dell'Ascom Piero Tedesco


TREVISO “La chiusura delle Beccherie non è solo la conseguenza della crisi, ma è il risultato di un cambiamento drastico che negli ultimi anni ha cambiato non solo la città, ma l’approccio al consumo ed alla ristorazione”, commenta Piero Tedesco, direttore della Confcommercio trevigiana. La famiglia Campeol, che lo gestisce da oltre 75 anni, ha deciso di abbassare definitivamente le saracinesche del ristorante dove, secondo la tradizione fu inventato il tiramisù. La notizia sta suscitando una mobilitazione in città per tentare di salvare lo storico locale e quella, che lo stesso direttore di Confcommercio definisce una pagina della storia e della cultura, non solo gastronomiche, di Treviso. La causa, ribadisce Tedesco, sta nelle “mode e nuove tendenze, unite ai problemi del centro storico e alle svariate forme di concorrenza che alterano il mercato”.

“Un coro unanime di sorpresa, cordoglio e rammarico”, così Paolo Fantin, presidente del Gruppo ristoratori della Marca, definisce la reazione dei colleghi alla notizia. “Con le Beccherie – afferma il presidente - se ne va un pezzo di storia del nostro lavoro, costruito negli anni con fatica, dedizione e ricerca continua per sostenere i valori della tipicità e della tradizione. Siamo tutti amareggiati”.