Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il sindaco Manildo: "Chiederemo misure nazionali contro gli sfruttatori"

PADOVA E VENEZIA CON TREVISO NELLA LOTTA AGLI ACCATTONI

Coordinamento tra le amministrazioni comunali e le polizie locali


TREVISO - La lotta al racket degli accattoni coinvolgerà tutta la PaTreVe.

Dopo la decisione, in accordo con Questura e Prefettura, di ricorrere ai fogli di via per contrastare la presenza in città di mendicanti professionisti, il sindaco di Treviso Giovanni Manildo ha contattato i colleghi di Padova e Venezia per un coordinamento in materia.  "Il fenomeno dell'accattonaggio - spiega infatti Manildo - non può essere affrontato se non in chiave metropolitana". Già dalla prossima settimana, dunque, i comandanti delle polizie locali dei tre capoluoghi si riuniranno per fare il punto della situazione e definire strategie per affrontare il problema come un'unica realtà urbana. Al vertice saranno invitati anche i funzionari delle rispettive Questure. Secondo i promotori dell'iniziativa, esiste una struttura organizzata che usa alternativamente le tre città facendo leva su persone disperate che finiscono in questa rete. “Nella sola città di Padova – nota il sindaco reggente Ivo Rossi -, nel corso del 2013 sono state elevate ben 619 sanzioni per accattonaggio molesto. In alcuni casi si è arrivati a oltre 50 sanzioni a carico di singola persona" Questa attività ha già portato la Polizia Locale a fare richiesta alla Questura di allontanamento per otto individui. A Treviso, invece, le multe staccate dall'inizio del 2014 sono una settantina. Ma - spiegano da Ca' Sugana - le sanzioni si rivelano ormai poco efficaci, così come anche il sequestro del denaro non costituisce più un deterrente. "Si è imposto dunque un necessario giro di vite - ribadisce Manildo - proprio per distinguere il fenomeno del racket dalle reali situazioni di povertà, peraltro già ben note ai servizi sociali". Oltre alle misure adottate a livello locale, i tre sindaci solleciteranno anche interventi su scala nazionale per colpire le organizzazioni criminali che molto spesso stanno dietro a questi mendicanti: "Chiederemo - conferma il primo cittadino di Treviso - l'introduzione di un reato che punisca lo sfruttamento in forma associativa dell'accattonaggio".