Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Presto si aggiungeranno anche Vicenza e Belluno

"RIDATE AI COMUNI LA FACOLTÀ DI DECIDERE SUL PIANO CASA"

Treviso, Padova e Venezia propongono modifiche alla legge regionale


TREVISO - Ridare ai Comuni la possibilità di calibrare il Piano casa regionale in base alle esigenze del loro territorio. E' il succo della proposta di legge avanzata alla Regione dalle amministrazioni di Treviso, Padova e Venezia.

Gli assessori all'Urbanistica dei tre capoluoghi si sono ritrovati a Ca' Sugana per definire un'azione unitaria. Tutti d'accordo su un punto: più che legittima la necessità di rilanciare un settore chiave come l'edilizia, ma l'attuale Piano casa ter rischi di “cancellare in un colpo quella concertazione fatta sul territorio con i pat”. Soprattutto non tiene conto delle diverse necessità delle diverse aree: se Treviso avrebbe bisogno di una maggiore elasticità nei cambi di destinazione d'uso per riqualificare i tanti edifici vuoti in centro, a Venezia, di contro, la possibilità di convertire ogni immobile i in struttura ricettiva rischia di trasformare la città in un mega-albergo penalizzando i residenti. I proponenti dunque suggeriscono che ogni Comune, entro 90 giorni dal varo della nuova legge, possano approvare delle disposizioni attuative ad hoc, altrimenti varranno le norme regionali, come spiega Marta Dalla Vecchia, assessore all'Urbanistica di Padova. Di fatto i Comuni sollecitano a tornare alla filosofia alla base delle prime due versioni di piano, risolvendo anche l'incertezza che ora attornia la materia anche a causa dei ricorsi di costituzionalità sollevati dal governo sul provvedimento regionale, come ribadisce l'assessore veneziano Andrea Ferrazzi.

La proposta verrà consegnata in Regione entro fine mese, per essere valutata in commissione e discussa dall'aula entro sei mesi. “Ma contiamo si concluda molto prima”, ribadisce il sindaco di Treviso Giovanni Manildo. Sarebbe bastato l'intervento di un solo capoluogo: Padova, Treviso e Venezia, però, hanno deciso di agire di concerto, mentre si attendono a breve le delibera anche dei consigli di Vicenza e Belluno. Insomma, di fatto, la PaTreVe prende sempre più corpo. E, nei prossimi mesi, la regia metropolitana, spiega Manildo, tornerà in campo anche per il trasporto pubblico, la formazione e le iniziative per l'Expo 2015.