Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Una modifica del capo d'imputazione rimanda di due mesi la decisione del giudice

AUTO RIGATE A PREGANZIOL: LA SENTENZA SLITTA A INIZIO LUGLIO

Sotto accusa un pensionato di 66 anni per i danni su 23 vetture


PREGANZIOL - (gp) Tutto rimandato a luglio. Per l'accusa, armato di punteruolo, avrebbe danneggiato 23 auto nella zona di Preganziol nell'arco di circa un anno. Dopo essere stato scoperto mentre rigava l'ultima vettura, la Renault Megane di proprietà del comandante della Polizia locale di Preganziol Rudi Sottana il 18 gennaio 2012, ieri si attendeva la sentenza del processo a carico di un pensionato di 66 anni residente poco distante dalle zone dei suoi presunti raid. Una modifica del capo d'imputazione effettuata in aula dal pm (è stato specificato che una delle vetture apparteneva alla Polizia Locale) ha costretto il giudice ad aggiornare il procedimento in quanto l'imputato, essendo giudicato in contumacia, ha diritto di ricevere la notifica di tale modifica. Un inghippo burocratico insomma, che farà tornare il 66enne di fronte al giudice tra due mesi. L'uomo, dal canto suo, ha ammesso di essere stato l'autore del danno all'auto del comandante dei vigili (versando anche il risarcimento) ma ha negato di essere l'autore degli altri blitz messi a segno nel 2011 tra via Schiavonia, via Europa e piazza Bachelet. L'ultima azione, quella che aveva portato alla sua identificazione e alla relativa denuncia, era stata immortalata dalle telecamere di videosorveglianza di via Dese, a pochi passi dalla sede del comando di polizia locale. Nei frame si vede il pensionato a passeggio con il suo cane transitare rasente all'auto del comandante e con il punteruolo strisciare la fiancata sinistra.