Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Scontro a fuoco in un supermercato di Qualiano: è morto Giuseppe D'Aniello

UCCISO A NAPOLI UNO DEI QUATTRO RAPINATORI DELLA "TOFFOLATTI"

Il 22enne freddato da un carabiniere fuori servizio che faceva la spesa


NAPOLI – (gp) Ucciso da un carabiniere fuori servizio uno dei quattro rapinatori della gioielleria Toffolatti. Il fatto di sangue è avvenuto a Qualiano, in provincia di Napoli. A perdere la vita il 22enne Giuseppe D'Aniello, originario di Melito, che il primo aprile scorso era stato condannato in primo grado a otto anni di reclusione per il colpo messo a segno a Pieve di Soligo l'8 novembre 2012. D'Aniello (che aveva partecipato alla rapina assieme allo zio Francesco Sarracino, il 34enne presunto capo della banda condannato a dieci anni di carcere assieme a Giuseppe Mele, 32 anni e colui che avrebbe sparato a Pierpaolo Toffolatti, e a Giovanni Verde, il 34enne originario di Giugliano incaricato al noleggio dei camper con cui la banda si spostava da una regione all'altra per mettere a segno rapine che è stato condannato a e 7 anni e 4 mesi) si trovava agli arresti domiciliari in una comunità di recupero. Con l'aiuto di due complici, ha cercato di rapinare il supermercato Sisa di via Giuseppe Di Vittorio a Quagliano. Intento a fare la spesa all'interno dell'esercizio commerciale c'era anche un carabiniere fuori servizio. I banditi hanno intimato alla cassiera di consegnare l'incasso. A quel punto il carabiniere è intervenuto, presentandosi, e uno di loro avrebbe estratto la pistola sparando in aria. Così il carabiniere ha estratto la sua arma e ha sparato colpendo D'Aniello, che è morto sul colpo, e ferendo un altro rapinatore che i carabinieri hanno rintracciato poco più tardi a Giugliano: si tratta di Domenico Chiariello, classe '87 residente proprio a Giugliano, che si trovava in stato di semilibertà e doveva tornare in serata a Poggioreale. Nessuna traccia al momento del terzo componente della banda.