Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Esposizioni a Santa Caterina, sostenute da un pool di imprenditori

LE GRANDI MOSTRE DI GOLDIN PRONTE A TORNARE A TREVISO

Il Comune ad un passo da riportare in città le rassegne del critico


TREVISO - Le grandi mostre firmate Marco Goldin potrebbero tornare a Treviso. Il comune da alcuni mesi ha allacciato contatti con il critico d'arte e la trattativa è ormai in fase avanzata: a rivelarlo il sindaco Giovanni Manildo. La firma dell'accordo, dunque, potrebbe essere presto formalizzata. Alle spalle ci sarebbe un pool di imprenditori, pronto a sponsorizzare l'evento. L'amministrazione comunale metterebbe a disposizione il complessso museale di Santa Caterina non ancora definito, al momento, il tema dell'esposizione, anche se si punta ad organizzare un rassegna già entro il 2015. Goldin, con la sua società Linea d'ombra, si era affermato come uno dei principali organizzatori culturali d'Italia, proprio con il ciclo di rassegne dedicate agli Impressionisti, curate a Ca' dei Carraresi nei primi anni Duemila: mostre che avevano attirato in città centinaia di migliaia di visitatori, con numeri mai più ripetuti ed ancor oggi rimpianti. Dopo la rottura con Fondazione Cassamarca, il critico ha lavorato in svariate altre città italiane, da Brescia a Torino, a Verona e Vicenza: tra i suoi ultimi successi, l'esposizione della "Ragazza dall'orecchino di perla" ed altri capolavori della pittura olandese, promossa a Bologna e conclusasi a fine maggio con l'ennesimo record di presenze. Proprio il contratto stipulato con il comune felsineo rappresenterebbe il principale scoglio al ritorno nella natia Marca, ma sono allo studio soluzioni per superare eventuali restrizioni legali.