Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un rogo di origine dolosa ha colpito nella notte l'azienda di via Trento a Cordignano

INCENDIO DISTRUGGE GLI UFFICI DELLA "AMADIO E SERRAVALLE"

Tracce di benzina all'interno fanno pensare all'azione di un piromane


CORDIGNANO – (gp) La chiamata ai vigili del fuoco è scattata alle 4 nella notte tra venerdì e sabato per segnalare che un fabbricato adibito ad uffici all’interno della ditta Amadio e Serravalle di Cordignano era stato improvvisamente invaso dalle fiamme. Il rogo ha completamente distrutto la zona degli uffici dell'azienda di via Trento, attigua a un capannone di 800 metri quadrati adibito a deposito di materiali per l'edilizia. Fortunatamente l'intervento dei pompieri ha evitato che le fiamme si propagassero anche al capannone, che è stato comunque invaso dal fumo. Da una prima ricostruzione dei fatti, l'ipotesi più accreditata sosteneva che si trattasse di un incendio doloso. I successivi rilievi della polizia giudiziaria dei vigili del fuoco avrebbe poi confermato i sospetti: una porta d'ingresso risultava infatti forzata e all'interno degli uffici distrutti sono state trovate tracce di benzina, segno che il rogo potrebbe essere stato causato dalla mano di un piromane. Gli inquirenti, che non stanno escludendo al momento nessuna pista, indirizzeranno le indagini nell'ambito lavorativo dell'azienda per cercare di dare un nome a colui, o coloro, che hanno appiccato le fiamme.




Galleria fotograficaGalleria fotografica