Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un rogo di origine dolosa ha colpito nella notte l'azienda di via Trento a Cordignano

INCENDIO DISTRUGGE GLI UFFICI DELLA "AMADIO E SERRAVALLE"

Tracce di benzina all'interno fanno pensare all'azione di un piromane


CORDIGNANO – (gp) La chiamata ai vigili del fuoco è scattata alle 4 nella notte tra venerdì e sabato per segnalare che un fabbricato adibito ad uffici all’interno della ditta Amadio e Serravalle di Cordignano era stato improvvisamente invaso dalle fiamme. Il rogo ha completamente distrutto la zona degli uffici dell'azienda di via Trento, attigua a un capannone di 800 metri quadrati adibito a deposito di materiali per l'edilizia. Fortunatamente l'intervento dei pompieri ha evitato che le fiamme si propagassero anche al capannone, che è stato comunque invaso dal fumo. Da una prima ricostruzione dei fatti, l'ipotesi più accreditata sosteneva che si trattasse di un incendio doloso. I successivi rilievi della polizia giudiziaria dei vigili del fuoco avrebbe poi confermato i sospetti: una porta d'ingresso risultava infatti forzata e all'interno degli uffici distrutti sono state trovate tracce di benzina, segno che il rogo potrebbe essere stato causato dalla mano di un piromane. Gli inquirenti, che non stanno escludendo al momento nessuna pista, indirizzeranno le indagini nell'ambito lavorativo dell'azienda per cercare di dare un nome a colui, o coloro, che hanno appiccato le fiamme.




Galleria fotograficaGalleria fotografica