Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

In un solo anno oltre 3 mila persone hanno ottenuto la cittadinanza italiana

IMMIGRAZIONE: TREVISO ╚ MENO "STRANIERA" MA PI┘ MULTIETNICA

Presentato il rapporto sulla distribuzione degli immigrati in provincia



TREVISO
– (gp) Treviso si scopre meno straniera ma più multietnica, e soprattutto più vecchia. Almeno questa è la sintesi dei dati più significativi contenuti nell'undicesima edizione del rapporto sulla presenza e la distribuzione degli immigrati in provincia, curato dall'Anolf Treviso, dall'ufficio Migrantes, dalla Cisl Belluno Treviso, dalla Cooperativa Servire e dalla Caritas Tarvisina. Partendo dal dato oggettivo della popolazione residente nella Marca che conta 886.108 persone di cui 101.718 straniere (un'incidenza dell'11,5%), il rapporto sull'immigrazione sottolinea come il numero di residenti (così come quello di stranieri) nel 2013 sia in leggero calo rispetto al 2012 (- 0,4%). Ma lettura più approfondita di tali dati fa emergere invece una novità che non ha precedenti in provincia: nel 2013 hanno acquisito la cittadinanza italiana 3.394 persone, più del doppi del 2012. Ciò significa che il numero di stranieri a Treviso è calato proprio per questa ragione rendendo, appunto, la città meno straniera e più multietnica. L'altro fattore, che di fatto è molto preoccupante, è che il saldo demografico naturale (ovvero il rapporto tra nascite e morti) risulta sempre più negativo per la componente italiana e sempre meno positivo per quella straniera, circostanza che rischia di mettere in crisi nei prossimi anni la sostenibilità socioeconomica della provincia. Nel 2013 infatti il saldo demografico degli stranieri è positivo e pari a 1.716, quello degli italiani negativo di 1.187. Quindi in provincia sono nati in una anno soltanto 529 bambini in più delle persone che sono passate a miglior vita. Dato che conferma come la popolazione stia pian piano invecchiando sempre di più. Il rapporto sull'immigrazione a Treviso tratta inoltre la distribuzione degli stranieri nelle varie aree della provincia, sancendo che le nazionalità presenti sono al momento 144: i primi 10 paesi presenti sul territorio calano tutti a livello numerico, salvo l'Ucraina (+ 2,8%) e la Moldavia (+ 0,1%).

Nel link i commenti di Franco Marcuzzo, responsabile dell'Anolf Treviso, e di don Bruno Baratto (nella foto a destra), direttore dell'Ufficio Migrantes.