Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Mareno, insulti alle istituzioni, locale "fracassone", licenza sospesa dal 13 luglio

LOCALE CHIUSO PER UN MESE: SI SFOGA SU FACEBOOK, DENUNCIATO

Ancora guai per il titolare dell'osteria Fior di via Conti Agosti


MARENO DI PIAVE - Dopo aver ricevuto la notifica che lo obbligava a tenere chiuso il suo locale per trenta giorni, ha pensato bene di sfogarsi su Facebook prendendosela con forze dell'ordine e istituzioni. Il post al veleno (poi rimosso) del 51enne titolare dell'osteria “Fior Grindhouse” di Mareno di Piave, in via Conti Agosti, non è però sfuggito alla polizia che ha denunciato l'uomo alla Procura per vilipendio alle istituzioni. La sospensione della licenza del locale era stata decisa dalla Questura dopo le numerose violazioni riscontrate per la musica tenuta ad altissimo volume anche oltre l'orario di chiusura. Sono state ben cinque le multe, tutte da 2.065 euro, con cui il titolare era stato sanzionato ma la situazione non era mai cambiata. La chiusura temporanea dell'osteria è stata fissata alla mezzanotte del 13 luglio scorso: il titolare, la sera del 12 luglio, ha pure organizzato una festa per celebrare l'evento, sforando peraltro l'orario prestabilito. Proprio per questo motivo la Procura ha disposto il sequestro dell'intero immobile e della strumentazione musicale. Da almeno due anni i residenti della zona erano in rivolta nei confronti dell'osteria: nel tempo, a carico del 51enne, erano arrivate alle forze dell'ordine numerose denunce da parte dei cittadini che vivono a pochi passi dal locale.