Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Mareno, insulti alle istituzioni, locale "fracassone", licenza sospesa dal 13 luglio

LOCALE CHIUSO PER UN MESE: SI SFOGA SU FACEBOOK, DENUNCIATO

Ancora guai per il titolare dell'osteria Fior di via Conti Agosti


MARENO DI PIAVE - Dopo aver ricevuto la notifica che lo obbligava a tenere chiuso il suo locale per trenta giorni, ha pensato bene di sfogarsi su Facebook prendendosela con forze dell'ordine e istituzioni. Il post al veleno (poi rimosso) del 51enne titolare dell'osteria “Fior Grindhouse” di Mareno di Piave, in via Conti Agosti, non è però sfuggito alla polizia che ha denunciato l'uomo alla Procura per vilipendio alle istituzioni. La sospensione della licenza del locale era stata decisa dalla Questura dopo le numerose violazioni riscontrate per la musica tenuta ad altissimo volume anche oltre l'orario di chiusura. Sono state ben cinque le multe, tutte da 2.065 euro, con cui il titolare era stato sanzionato ma la situazione non era mai cambiata. La chiusura temporanea dell'osteria è stata fissata alla mezzanotte del 13 luglio scorso: il titolare, la sera del 12 luglio, ha pure organizzato una festa per celebrare l'evento, sforando peraltro l'orario prestabilito. Proprio per questo motivo la Procura ha disposto il sequestro dell'intero immobile e della strumentazione musicale. Da almeno due anni i residenti della zona erano in rivolta nei confronti dell'osteria: nel tempo, a carico del 51enne, erano arrivate alle forze dell'ordine numerose denunce da parte dei cittadini che vivono a pochi passi dal locale.