Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Il monito ai curiosi a rimanere a casa e non intralciare i soccorsi

IL GOVERNATORE LUCA ZAIA: "E' STATO UN PICCOLO VAJONT"

"La più tragica alluvione per il Veneto dopo quella del 1966"


REFRONTOLO - “Un piccolo Vajont”, così il presidente della Regione, Luca Zaia, ha sintetizzato quanto è successo a Refrontolo, in provincia di Treviso, dove un'ondata di acqua e fango ha travolto il tendone di una festa paesana, provocando quattro vittime e svariati feriti. Il governatore, in contatto con i soccorritori fin dai primi minuti dopo la tragedia, domenica mattina si è recato personalmente sul posto, facendo il punto della situazione in una conferenza stampa congiunta con i sindaci di Refrontolo, Cison di Valmarino, Sernaglia della Battaglia e Santa Lucia di Piave. "Mai ci saremmo aspettati una tragedia simile, è la più tragica alluvione che ha colpito il Veneto dopo il 1966 - ha detto Zaia -. Per il Veneto è una giornata di lutto. E lo sarà anche per la giornata dei funerali delle quattro vittime, quando pretenderò bandiere a mezz'asta ovunque". Il presidente del Veneto ha spiegato come l'epicentro del temporale fosse in realtà localizzato circa un chilometro e mezzo più a nord del luogo dove poi si è scaricato l'ondata ed ha ribadito come la portata dell'evento non fosse prevedibile: "Tanta acqua crea un ruscellamento che porta tutto a valle. Poi si sono creati sbarramenti nel fiume". Il governatore si è anche scagliato contro i curiosi arrivati ad affollare la zona, invitando tutti i cittadini a rimanere a casa: “Non venite a intralciare il traffico o a disturbare – ha ammonito -, chi sta lavorando non può permettersi di fermarsi".