Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Denunciato per interferenza illecita nella vita privata, respinge tutte le accuse

MICROSPIA IN CAMERA: NEI GUAI IL TITOLARE DI UN AGRITURISMO

Una coppia ha scoperto l'occhio elettronico e ha chiamato il 112


MOGLIANO VENETO - (gp) Rischia grosso il titolare di un agriturismo di Mogliano Veneto per aver piazzato una microspia nella grata dell'impianto di aerazione di una camera da letto. A scoprirla una coppia  di clienti che si era fermata nella struttura ricettiva per una notte prima di riprendere la A4 e tornare a casa dalle vacanze. Ma l'avvocato Cristiano Biadene, che difende l'uomo denunciato per interferenza illecita nella vita privata (che prevede una pena dai sei mesi ai quattro anni di reclusione), sottolinea come le accuse siano prive di fondamento sostenendo che verrà dimostrata la totale estraneità ai fatti del suo assistito. Ma andiamo con ordine. La coppia, dopo aver cenato, si è diretta nella stanza da letto notando che dalla grata esterna dell'impianto di aerazione pendeva un cavo. Giunti in camera, i due clienti hanno così deciso di guardare all'interno di quel foro, hanno smontato la grata interna e hanno trovato una microcamera. Pronta, secondo loro e anche secondo gli inquirenti, per riprendere qualsiasi cosa accadesse all'interno della stanza. I clienti, a quel punto, non hanno avuto alcuna esitazione e hanno chiamato i carabinieri i quali hanno posto sotto sequestro la microcamera e il cavo facendo scattare la denuncia. Il caso è finito sul tavolo del pm Valeria Sanzari, che ha ordinato la perquisizione nella casa del titolare dell'agriturismo. Supporti informatici, computer e materiale audio-video sono stati passati al setaccio ma nessuna immagine o ripresa è stata trovata. Tanto che tutto il materiale, come ha sottolineato l'avvocato Biadene, è stato restituito al legittimo proprietario. Ma allora perchè quell'occhio elettronico era nella grata? La difesa dell'uomo ha una spiegazione più che valida: l'apparecchio era stato “dimenticato” nel foro dell'impianto di aerazione nel lontano 2005 quando il titolare della struttura aveva intenzione di renderla più sicura con delle telecamere di videosorveglianza. Il preventivo dell'azienda installatrice era però troppo alto, tanto che non vennero installate telecamere. Quella microcamera, che era di prova per calcolare l'angolo di visuale esterno, è rimasta dov'era stata posizionata quasi dieci anni fa. E lì è stata lasciata senza che entrasse mai in funzione. Tant'è che, come sostiene il legale, la “microspia” non era collegata a nessun apparecchio di registrazione.