Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/216: LA CINA ╚ VICINA ANCHE SUL GREEN

A Pechino, lo svedese Bjork supera Otaegui


TREVISO - Ed ecco l’Open di questo Paese fino a ieri tanto lontano da noi, e che oggi, in quanto a Golf e non solo, si sta portando in pole position nel mondo.Il Volvo China Open, torneo dell’European Tour che si avvale dell’organizzazione dell’Asian Tour, si gioca al Topwin...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/215: ALLA MONTECCHIA VA IN SCENA IL BANCA GENERALI INVITATIONAL

Quarta tappa del circuito sponsorizzato dal gruppo bancario


SELVAZZANO DENTRO (PD) - In un ambiente speciale, la gara di golf 18 buche stableford, contrassegnata dall’esclusività e dal prestigio di “Banca Generali Private”. Era la quarta delle sette tappe del “Trofeo di golf area nord est” sponsorizzato da Banca...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/214: IL CHALLENGE AIGG RITORNA IN VENETO

Giornalisti golfisti impegnati a Frassanelle e al Colli Berici


PADOVA/VICENZA - Il Challenge dei Giornalisti Golfisti d’Italia 2018, dopo le giornate romane è arrivato in Veneto, nel padovano e nel vicentino. Abbiamo giocato in due particolarissimi Campi, ambientati in luoghi molto interessanti. Nella prima giornata abbiamo goduto della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Santa Messa celebrata dal Cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano

SEIMILA FEDELI PER IL CENTENARIO DELLA MORTE DEL "PAPA PARROCO"

Cerimonia per ricordare San Pio X, al secolo Giuseppe Melchiorre Sarto


RIESE PIO X – (gp) Il segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, ha chiuso le celebrazioni per il Centenario della morte di San Pio X ricordandolo come un “papa parroco”. Il braccio destro di papa Francesco, davanti a una folla di seimila fedeli, ha celebrato la S. Messa nel Parco del Santuario mariano delle Cendrole a Riese Pio X. Presenti anche una decina di vescovi del Triveneto, un centinaio di sacerdoti di tutta la zona accompagnati da 350 cantori e un centinaio di chierichetti. Per garantire lo svolgimento della cerimonia, schierati anche 150 uomini delle forze dell'ordine tra polizia, carabinieri, guardia di finanza, vigili del fuoco, polizie locali e guardie forestali. Una cerimonia, nonostante la pioggia battente della mattina, che si è celebrata con un tramonto quasi “miracoloso” sullo sfondo, tanto che i fedeli hanno visto la mano del santo di Riese, Giuseppe Melchiorre Sarto, dietro la buona riuscita dell'evento. “San Pio X si gloriò della consunta talare del parroco – ha ricordato il Cardinale Parolin nell'omelia – il parroco che cerca i suoi fedeli e che si trattiene con loro a condividere angosce e pesi quotidiani della vita. Fu questa lungimiranza spirituale e pastorale che l'umile sacerdote trevigiano, divenuto pontefice, costituì un autentico spartiacque. Invitò la chiesa non certo alla chiusura su sé stessa, bensì la spronò a ricentrarsi su Cristo”. Il segretario di Stato vaticano, in un periodo non semplice per le gerarchie ecclesiastiche, ha sottolineato che l'appello di San Pio X vale anche per la Chiesa di oggi. Parole pronunciate accanto a oltre 80 sacerdoti concelebranti e a otto vescovi legati in modo particolare a San Pio X: Gianfranco Agostino Gardin (Treviso), Corrado Pizziolo (Vittorio Veneto), Andrea Bruno Mazzocato (Udine), Angelo Daniel (Chioggia), Alberto Bottari De Castello (nunzio apostolico in Ungheria), Mario Pasqualotto (già vescovo ausiliare di Manaus), Paolo Magnani (vescovo emerito di Treviso) e Silvano Tomasi (osservatore della Santa Sede alle Nazioni Unite di Ginevra).