Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La replica: "Decisi interventi immediati, se hanno cambiato idea è un problema"

"ERBA ALTA NEI CIMITERI? TUTTA COLPA DEL COMUNE"

Contarina accusa Ca' Sugana del ritardo nella scelta sui diserbanti


TREVISO - Tornano a farsi roventi i rapporti tra Comune e Contarina. Ultimo elemento di contrasto, la pulizia dalle erbacce nei cimiteri cittadini. “I lavori di diserbo nei cimiteri di Treviso sono stati, di fatto, bloccati dal Comune, che ha tardivamente deciso come procedere – accusa Franco Zanata, presidente di Contarina -, per effetto dell’entrata in vigore di una Direttiva Europea che limita, in maniera particolarmente restrittiva, l’uso dei prodotti chimico-biologici. Pur essendo stato sollecitato già a partire dallo scorso febbraio, il Comune di Treviso, contrariamente alle altre amministrazioni comunali dei consorzi, non ha dato una pronta risposta in modo tale da consentire azioni tempestive”.
In sostanza, spiega Zanata, nei camposanti non è possibile usare i decespugliatori: troppo alto il rischio di far schizzare sassi e ghiaino e rovinare lapidi e fotografie sulle tombe. Troppo lungo e costoso anche procedere a mano, con la zappa, a causa dell'estensione delle zone da pulire. Contarina, ribadiscono dall'azienda, aveva perciò proposto di agire con diserbanti sperimentali. Da Ca' Sugana, però, il via libera è arrivato solo pochi giorni fa. L'azienda ora ha avviato i lavoro, ma, continua il presidente “rimane il dubbio sull’efficacia degli interventi, dati i tempi di azione del prodotto, con la possibilità più che concreta di ritrovarsi i siti cimiteriali in condizioni di ordine e decoro approssimativi in occasione della prossima commemorazione dei defunti.
Non si fa attendere la replica di Roberto Grigoletto, vicesindaco di Treviso con delega alla gestione del Verde pubblico: “Sono sinceramente sorpreso delle dichiarazioni di "Contarina" – ribadisce -. Il 4 settembre è stata fatta una riunione a Ca' Sugana alla presenza di sindaco, dirigenti comunali, presidente e direttore del Contarina e direttore del Consorzio Priula: avevamo stabilito che il Contarina sarebbe intervenuto immediatamente. Spero non abbiano cambiato idea. Se fosse così sarebbe un problema. E non da poco...”.