Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In cinque anni raddoppiate le pratiche, ma risorse in calo di 350mila euro

PIÙ LAVORO, MENO STANZIAMENTI CAF E PATRONATI A RISCHIO STALLO

L'allarme della Cisl: "Il governo taglia i fondi, problemi per gli utenti"


TREVISO - Lavoro in aumento, ma risorse in calo. Caf e patronati anche nella Marca rischiano di andare il tilt. A lanciare l'allarme è la Cisl di Treviso: le due strutture che fanno capo al sindacato hanno visto negli ultimi anni un netto incremento degli utenti. Il Caf, che si occupa in modo particolare degli adempimenti fiscali, a partire dalle dichiarazioni dei redditi, alla fine di luglio ha elaborato già 87.698 pratiche, per fine anno la stima è di superare quota centomila, battendo il record di 96mila toccato l'anno scorso. A fronte di un numero di interventi più che raddoppiato in un decennio, dal 2010 in avanti il centro di assistenza trevigiano ha subito un taglio dei fondi girati da Inps ed Agenzia delle Entrate pari a 350mila euro. E la situazione rischia di aggravarsi con l'introduzione del nuovo modello 730 precompilato annunciata dal governo per il prossimo anno. La conseguenza potrebbe essere la necessità di alzare le tariffe per gli utenti.
Il patronato, invece, per statuto e per legge offre gratuitamente servizi nell'ambito delle documentazioni per pensioni, domande di maternità, di invalidità ed altre procedure legate al lavoro. Per questo gli organismi sono finanziati tramite un fondo nazionale, ripartito in base all'attività svolta. Il patronato Inas, legato alla Cisl di Treviso, ad inizio settembre ha già aperto 18.658 pratiche ed entro la fine dell'anno è destinato a allinearsi alle quasi 26mila del 2013: in cinque anni i volumi sono più che raddoppiati. In questo caso, l'esecutivo ha previsto una revisione della spesa di 110 milioni di euro su scala nazionale. Una sforbiciata che, non potendo tradursi in rincari, rischia di compromettere l'efficienza del servizio, con meno operatori a disposizione e lunghe attese per i cittadini, come spiega la responsabile Michela Fuser. Per questo domani, gli addetti effettueranno un volantinaggio di sensibilizzazione al mercato di Treviso.
Il governo giustifica i tagli con la possibilità per il cittadino di eseguire gli atti per via telematica. Ottima cosa in teoria, ma troppo spesso rivelatisi una eccessiva complicazione per i cittadini, sottolinea Franco Lorenzon, segretario generale della Cisl Treviso Belluno.