Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO La partita di Prima categoria della scorsa stagione interrotta per disordini

GORGHENSE-BURANO: RISSA COSTA IL DASPO PER PRESIDENTE E ULTRAS

Divieto per due anni a Mario Vettori e per un tifoso veneziano 50enne


TREVISO - (NC) Divieto, per almeno due anni, di assistere a manifestazioni sportive di ogni tipo e obbligo di presentarsi in Questura o presso la caserma dei carabinieri venti minuti dopo l'inizio delle partite di calcio e venti minuti prima del loro termine. Questo quanto previsto dal “daspo” che la Digos della Questura di Treviso ha inflitto al presidente della Gorghense calcio, il 54enne Mario Vettori, fratello dell'ex sindaco di Gorgo al Monticano, Firmino, e nei confronti di un tifoso del Burano di 50 anni. Il provvedimento della Questura arriva in seguito alla indagini riguardanti la partita, valida per la 27ª giornata del campionato di Prima categoria, girone H, che il 4 aprile scorso vide opporsi la formazione trevigiana a quella lagunare (il giudice sportivo deciderà per la vittoria a tavolino della squadra di casa, quella trevigiana, per 3-0): si trattava di una gara decisiva per l'accesso ai playoff per la promozione. La gara, molto tesa, finì in rissa con i carabinieri costretti ad intervenire, su richiesta dell'allora sindaco di Gorgo Firmino Vettori, sul punteggio di 1-0 per il Burano, per calmare gli animi dei tifosi delle due formazioni: l'arbitro Carlo Rinaldi di Bassano fu costretto a sospendere il match quando ormai si stavano disputando i minuti di recupero. Ad affrontarsi in modo particolarmente violento furono proprio il presidente della Gorghense e l'ultras che insieme ad altri si avvicinò minaccioso alla recinzione del campo di gioco. A scaldare gli animi tra i sostenitori delle due squadre fu in particolare un brutto fallo subito a centrocampo da un difensore della Gorghense, Candosin: la sorella che stava assistendo al match, per la brutalità dell'intervento subito dal fratello, svenne mentre i tifosi delle due società vennero alle mani. Il provvedimento della Digos prevede che il presidente della Gorghense dovrà recarsi, ogni qual volta si disputino incontri della sua squadra, presso la Tenenza di Oderzo mentre il tifoso veneziano dovrà presentarsi, con le stesse modalità, presso la Questura di Venezia. Le parole del dirigente della divisione anticrimine della Questura di Treviso, Luca Migliorini.