Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO "Vorrei investire 10mila euro" ma al momento di incassare l'amara sorpresa

LINGOTTI D'ORO CON UN ASSEGNO FALSO: "COMPRO-ORO" BEFFATO

Denunciati per truffa due trevigiani, un 65enne ed un 43enne


CONEGLIANO - Si sono presentati come facoltosi clienti presso una società di "Compro-oro" del coneglianese per investire una somma di 10mila euro in oro: al momento della consegna dei lingotti, sei in tutto, hanno consegnato un assegno del "Banco popolare" che risulterà poi essere scoperto. La più classica delle truffe, insomma. A metterla a segno un 65enne, già noto alle forze dell'ordine e con vari precedenti per altri raggiri, ed un 43enne, entrambi trevigiani. I due truffatori sono stati identificati dagli uomini del Commissariato di Conegliano grazie alle telecamere di videosorveglianza della società di "Compro-oro" e denunciati. Dei lingotti però ancora nessuna traccia: l'oro, si sospetta, sarebbe già stato ricettato. Si tratta di 312 grammi del biondo metallo che i due trevigiani avevano ordinato tempo fa presso il negozio. I titolari avevano richiesto garanzie piuttosto ferree agli acquirenti che erano riusciti, attraverso delle false garanzie (il 43enne risultava titolare di un'azienda che risulterà esistere solo sulla carta), ad ottenere il maltolto. Al momento di incassare quell'assegno però è emersa l'amara verità: quei due distinti signori altro non erano che veri e propri professionisti della truffa. Il più anziano è stato sorpreso dalla polizia mentre si trovava ospite presso l'abitazione di una donna con cui stava intrattenendo una relazione sentimentale. Il complice, anche lui trevigiano, fungeva invece come "falsario" ed era incaricato di creare gli assegni contraffatti.

NEL VIDEO IL DIRIGENTE DEL COMMISSARIATO DI CONEGLIANO, CLAUDIO DI PAOLA