Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Piovesana: "Sarą aperto alla comunitą, segno dell'impegno degli imprenditori"

PALAZZO GIACOMELLI TORNA A RISPLENDERE PER LA CITTĄ

Concluso il restauro dell'edificio sede di Unindustria Treviso


TREVISO - Treviso ritrova un suo gioiello: palazzo Giacomelli riapre, dopo un restauro durato sei mesi. L'edificio settecentesco, fatto realizzare dalla famiglia Orsetti, è la sede di rappresentanza di Unindustria Treviso, ora, dopo l'opera di risistemazione, diventerà uno spazio sempre più aperto alla città e ai suoi residenti, ospitando iniziative legate alle 2.400 aziende socie (si comincia il 16 ottobre con la presentazione di un volume sulla storia del marchio di caffè Dersut), ma anche, e soprattutto, mostre, convegni, eventi culturali organizzati da altri. Un segnale della presenza degli industriali trevigiani nella comunità e della loro voglia di continuare ad investire nonostante la crisi, ma anche la della conferma del valore della cultura e dell'arte, ribadisce Maria Cristina Piovesana, presidentessa di Unindustria. La leader degli imprenditori di Marca ha definito il palazzo “quasi un luogo sacro per noi”, perchè lì nel 1995 si celebrò l'unione tra l'Associazione piccola industria (di cui allora era sede) e la locale Confidustria, dando vita all'attuale associazione unificata. “Esempio di quelle scelte coraggiose e lungimiranti che anche oggi siamo chiamati a fare”, ha proseguito Piovesana.
Il restauro, eseguito in stretta collaborazione con la Sovrintendenza, è costato un milione e 85 mila euro (in gran parte sostenuti da Unindustria con il contributo di alcune imprese e della Cassa di risparmio del Veneto) ed ha riguardato gli impianti, la climatizzazione, i pavimenti e il tetto. E' stata eseguita la pulitura degli affreschi di Louis Dorigny e degli stucchi e, sfruttando le stanze prive di elementi di pregio, è stato inserito un ascensore dal piano terra fino al terzo piano mansardato.
Proprio in occasione della riapertura è stata organizzata una mostra dedicata ai dipinti della collezione di Sante Giacomelli, il più noto tra i proprietari del palazzo, mercante, patriota, filantropo e mecenate, con alcuni quadri dell'800 da lui raccolti e poi alla sua morte donati al comune. L'esposizione (ad ingresso gratuito su prenotazione) sarà visitabile fino al 30 gennaio, dal lunedì al venerdì. Sabato e domenica prossimi, sarà possibile usufruire di una visita guidata gratuita (prenotazione al 335 8064945).