Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO "Organici carenti, poliziotti non potranno controllare il territorio"

"SOLO IL 20% DEI PROFUGHI HA ACCONSENTITO A FARSI IDENTIFICARE"

Nuovi arrivi nel weekend, Cordone (Coisp) denucia rischi per la sicurezza


TREVISO - Un'altra decina di profughi è attesa nella Marca tra sabato e domenica. E se l'arrivo di un nuovo contingente di immigrati sbarcati sulle coste italiane dal Nordafrica ormai non fa quasi più notizia, a preoccupare i sindacati di polizia sono le conseguenze che queste operazioni di emergenza rischiano di comportare per la normale attività di controllo del territorio e di prevenzione: per identificare gli extracomunitari, denuncia Berardino Cordone, segretario provinciale del Coisp, dovranno essere impiegati agenti, sottraendoli agli organici già risicati e ulteriormente limitati per il riposo festivo, in un momento come il weekend in cui in città sono in già programma vari eventi sportivi e manifestazioni.
Peraltro, rincara il sindacalista, solo una minima parte degli immigrati finora giunti nell'ambito dell'operazione Mare nostrum ha accettato di farsi fotosegnalare e prendere le impronte digitali. Con i rischi facilmente comprensibili di qualche ingresso “indesiderato”.