Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Confessano i magrebini che hanno rubato nella chiesa di San Vincenzo a Oderzo

"SIAMO STATI NOI, LO ABBIAMO FATTO PERCH╚ CACCIATI DI CASA"

Il giudice ha convalidato l'arresto e disposto i domiciliari per entrambi



ODERZO
– (gp) Lo hanno fatto perchè erano stati cacciati di casa dai genitori e non avevano soldi per sopravvivere. Dopo aver ammesso di essere stati loro i due autori del furto sacrilego commesso all'interno della chiesa di San Vincenzo a Oderzo, nella notte tra martedì e mercoledì, i due marocchini di 18 e 20 anni, finiti in manette per ricettazione, hanno raccontato al gip Bruno Casciarri anche questo retroscena, ottenendo gli arresti domiciliari proprio nella casa dei genitori che non volevano più sapere niente di loro. I due ragazzi erano stati rintracciati nello scantinato dell'ospedale che utilizzavano come riparo per la notte: all'interno dei loro zaini era stata trovata la refurtiva (una pisside in argento placcata oro, una teca e oggetti sacri per un valore di 2 mila euro) e alcuni abiti (tre felpe e un giubbotto del valore di 75 euro) che risultavano rubati in un negozio di Conegliano, a gestione cinese. Martedì notte gli stranieri erano
entrati nell'edificio sacro di via Altinate sfondando una finestra: i due hanno utilizzato una pietra trovata sul sagrato. Una volta all'interno i malviventi avevano fatto razzia di quanto era presente nel tabernacolo. Per forzare il tabernacolo era stato usato, come di attrezzo da scasso, un crocifisso. Ad accorgersi dell'ammanco era stato, mercoledì mattina, il parroco don Angelo Pavan che aveva subito denunciato l'episodio all'Arma. Il Vescovo di Vittorio Veneto, mons. Corrado Pizziolo, in visita pastorale a Oderzo, aveva celebrato assieme a don Angelo una Messa di riparazione per consacrare l'Eucarestia e riporla nuovamente nel tabernacolo.