Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 27enne Robert Mihai Hretu seminò il panico per le strade di Treviso ad agosto

INSEGUIMENTO A 160 KM/H: SE LA CAVA CON 2 ANNI E 4 MESI

La folle fuga terminò contro il sottopasso della Postioma



VILLORBA
– (gp) Due anni e quattro mesi di reclusione per ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale e detenzione di armi. Questa l'entità del patteggiamento concesso dal gup Bruno Casciarri a Robert Mihai Hretu, il romeno di 27 anni che il primo agosto scorso aveva seminato il panico per le strade di Treviso ingaggiando un inseguimento con Polizia e Carabinieri a 160 km/h.

L'uomo, in sede di interrogatorio assistito dall'avvocato Mauro Serpico, aveva detto non solo di non ricordare nulla di quella sera, ma aveva anche dichiarato che poco prima si trovava al mare e che non riusciva a spiegarsi come fosse arrivato a Treviso e il perchè si trovasse in quell'auto rubata. Dichiarazioni che non servirono per riacquistare la libertà: per l'uomo venne infatti confermata la custodia cautelare in carcere che si andava ad aggiungere sia all'esecuzione del mandato di cattura emesso dal Tribunale di Savona sia alla condanna a oltre due anni di reclusione per furto rimediata in primo grado sempre a Savona e nel frattempo divenuta definitiva.

Già, perchè alla base della fuga ci sarebbe stato, secondo gli inquirenti, il timore di essere preso e rinchiuso in carcere proprio in virtù di quel mandato, spiccato dopo che il 27enne era evaso dagli arresti domiciliari disposti dal magistrato ligure. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, la Bmw 520 bianca era stata intercettata lungo viale della Repubblica dove, dopo non essersi fermato all'alt della Polizia, ebbe inizio la folle corsa del 27enne e una lunga serie di sorpassi azzardati a 160 km/h.

Tra le vetture superate c'era anche quella di una pattuglia dei carabinieri che si unì agli agenti delle volanti nell'inseguimento. Lo straniero, dopo aver attraversato vari incroci ignorando diversi semafori rossi, attraversò contromano la rotonda tra viale della Repubblica e la Pontebbana e continuò la fuga che si concluse a Castrette, lungo la strada che congiunge la Pontebbana a strada Postioma: il fuggitivo imboccò via Silvio Marsoni e, non riuscendo però a frenare in tempo, sfondò il guard rail e si fermò in bilico sul sottopasso della Postioma.