Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sebastiano Alberto Spampianto e Marco Giacomo artino hanno patteggiato la pena

DOPPIO COLPO IN BANCA: SETTE ANNI AI "TRASFERTISTI" CATANESI

Colpirono a gennaio e a marzo a Caerano San Marco e a Cornuda


MONTEBELLUNA – (gp) Identificati e arrestati dai carabinieri di Montebelluna perchè considerati gli autori di due rapine in altrettante banche, messe a segno l'8 gennaio a Caerano e il 28 marzo a Cornuda, se la sono cavata con un patteggiamento della pena a tre anni e quattro mesi di reclusione. Alla sbarra due "trasferitisti", entrambi catanesi: si tratta di Marco Giancomo Artino, 23enne difeso dall'avvocato Massimiliano Di Stallo, e di Sebastiano Alberto Spampinato, 29enne difeso dall'avvocato Alessandro Vecchio. I due, secondo l'accusa, si resero protagonisti del colpo alla "Montepaschi" di Cornuda che fruttò un bottino di circa 55mila euro. Assieme a un terzo complice, la cui posizione è stata stralciata, avrebbero poi rapinato la "Banca popolare di Vicenza" di Caerano, fuggendo con circa 60mila euro. I due episodi, osservarono gli investigatori visionando le telecamere di videosorveglianza, avevano avuto modalità del tutto simili tra loro: in entrambi i casi infatti i banditi avevano preso in ostaggio uno dei clienti. A gennaio, nel corso del colpo di Caerano, a essere minacciato con un taglierino era stato un giovane cinese. A marzo, a Cornuda, un anziano. La matrice in entrambi i colpi, secondo gli inquirenti, era quella di una sola banda. L'indagine aveva così permesso risalire ad Artino e Spampinato che verranno catturati rispettivamente ad Acireale e a Gravina, in provincia di Catania. Gli investigatori identificarono e denunciarono a piede libero anche una donna di origini francesi di 27 anni che collaborò con i malviventi nella rapina dell'8 gennaio: era lei a guidare l'auto, rubata a Maser, con cui fuggirono i banditi.