Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Chiuse le indagini per il decesso di Andrea Camerin, 21enne di Vittorio Veneto

MORTO AL TRATTORADUNO: L'AMICO DELLA VITTIMA VERSO IL PROCESSO

La tragedia il primo giugno scorso: l'ipotesi di reato è omicidio colposo



CIMADOLMO
– (gp) La magistratura ha chiuso le indagini sulla tragedia avvenuta il primo giugno dello scorso anno al Trattoraduno di Codognè. Verso il processo per omicidio colposo si avvia il giovane che si trovava alla guida del trattore da cui è caduto, finendo per rimanere schiacciato sotto le ruote Andrea Camerin, 21enne di Vittorio Veneto.

Il pm Laura Reale, dopo sei mesi di indagini, ha stabilito che la vittima non è deceduta per un malore ma straziata dalle ruote del mezzo: sarà il processo a stabilire se la perdita di equilibrio sia stata causata da una manovra brusca del guidatore o dall'imprudenza della stessa vittima. Di certo c'è che il guidatore, coetaneo di Andrea Camerin, non aveva assunto alcol nel corso della giornata e si era messo al volante del trattore in condizioni pisco-fisiche ottimali. La prova sta nel fatto che la Procura, come avevano tra l'altro già accertato gli esami a cui era stato sottoposto l'indagato, non ha contestato al giovane l'aggravante dell'essersi messo alla guida sotto l'effetto di alcol o stupefacenti.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, Andrea Camerin si trovava seduto sul rimorchio di uno dei tanti mezzi che partecipavano alla sfilata, partiti da Codognè al mattino in direzione Cimadolmo. Quando la carovana giunse a Stabiuzzo di Cimadolmo, all'incrocio tra via Fornace e via Castellana, nell'affrontare una curva il giovane si sbilanciò e cadde dal rimorchio, finendo per essere agganciato dalle ruote del mezzo. Immediati scattarono i soccorsi e il 21enne venne trasportato d'urgenza all'ospedale Ca' Foncello di Treviso. Nonostante i disperati tentativi di salvargli la vita, Andrea Camerin si spense un paio d'ore dopo il ricovero.