Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Corte d'Appello di Venezia non ha rimodulato la sentenza di primo grado

AGGUATO IN AGRITURISMO A COLPI DI MACHETE: CONFERMATI I 6 ANNI

Sotto accusa per tentato omicidio il 33enne marocchino Issam Ouahadi



CAVASO DEL TOMBA
- (gp) La Corte d'Appello di Venezia ha confermato i sei anni di reclusione inflitti in primo grado a Issam Ouahadi, il 33enne marocchino imputato di tentato omicidio per aver aggredito per vendetta un connazionale di 21 anni, giardiniere all'agriturismo Villa Fontana di Cavaso del Tomba. Ouahadi, difeso dall'avvocato Alessandra Nava, era chiamato a rispondere anche dei reati di violenza privata, minaccia aggravata dall'uso di un'arma, danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale.

Il procuratore generale Giovanni Francesco Cicero, che aveva impugnato la sentenza del tribunale di Treviso, aveva chiesto una condanna a dieci anni e mezzo, sei mesi in meno di quanto aveva chiesto il pm di Treviso che aveva ipotizzato una pena complessiva di 11 anni di carcere (10 anni per il tentato omicidio che assorbiva anche i reati di minacce e violenza privata, 9 mesi per la resistenza a pubblico ufficiale e 3 mesi per i danneggiamenti).

I fatti contestati risalivano al 7 dicembre 2013 quando l'imputato, quasi sfondando la porta d'ingresso dell'agriturismo di Cavaso del Tomba, avrebbe minacciato con un coltello la proprietaria costringendola a rinchiudersi in uno sgabuzzino. Il suo obiettivo però non era la donna, bensì il giardiniere 21enne, anche lui originario del Marocco. L'imputato sarebbe così salito al piano superiore entrando nella stanza del giovane. Armato di machete, lo avrebbe aggredito cercando di accoltellarlo.

La vittima riuscì a parare il fendente con il braccio destro, procurandosi una profonda ferita e la frattura dell'ulna (lesioni giudicate guaribili in 40 giorni), e poi, saltando da una finestra, si diede alla fuga. Nel frattempo all'agriturismo arrivarono i Carabinieri di Pederobba, allertati da alcuni testimoni: davanti ai militari, il magrebino non oppose resistenza e si lasciò portare in caserma.

Tra i due stranieri c'era vecchia ruggine: il 14 ottobre erano stati protagonisti di una lite in centro a Montebelluna. Ad avere la peggio, allora, era stato proprio Ouhadi, messo ko da una bottigliata in testa. E così, secondo gli inquirenti, avrebbe pensato di vendicarsi per lo sgarbo subìto.