Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il week end del Teatro del Pane inizia con "Le allegre comari"

SHAKESPEARE, LA GRANDE GUERRA E LA BANDA OSIRIS

Sabato teatro di narrazione con "L'albero storto" di Beppe Casales


Venerdì 30 gennaio andrà in scena al Teatro del Pane la commedia “Le allegre comari”, adattamento di Andrea Pennacchi de “Le allegre comari di Windsor” di William Shakespeare, prodotto dall'Associazione Culturale Dedalofurioso, con Marco Artusi, anche regista dello spettacolo, Evarossella Biolo, Beatrice Niero e Francesca Botti.
Falstaff, vecchio dongiovanni, viene rifiutato ed esiliato dal suo nuovo re in provincia, a Winsdor, dove il vitalizio assegnatogli non gli basta mai. Per necessità e vanità corteggia le due dame più ambite del paese ma, smascherato il doppio gioco, dovrà fare i conti con una doppia vendetta femminile. Nella versione di Pennacchi lo scenario muta: dalla Contea del Berkshire, non è difficile riconoscere il perbenismo e le pulsioni del Nord Est.


Far rivivere la memoria storica nelle parole e nei canti di guerra, in un intreccio di teatro e musica. Sabato 31 gennaio Beppe Casales porta al circolo Arci di Villorba il suo nuovo spettacolo di narrazione “L'albero storto. Una storia di trincea”, nato dalla collaborazione con il Coro Valcavasia diretto da Sabino Toscan e con il talentuoso musicista Isaac de Martin. E' un racconto di guerra dallo sguardo di un ufficiale e di due soldati semplici, giovani contadini chiamati al fronte a combattere nell'inferno di morte e devastazione della Prima Guerra Mondiale. Il fronte è quello del Carso, lungo la trincea dell'Albero storto, simbolo della vita che continua, nonostante tutto.
Lo spettacolo giunge a Treviso dopo il tutto esaurito della settimana scorsa nelle due repliche al Teatro Altrove di Genova.


Ad allietare il pubblico del Teatro del Pane di domenica 1 febbraio saranno
“Le dolenti note”
della sfavillante Banda Osiris, uno spettacolo in forma di concerto dove il quartetto si diverte a omaggiare e schernire il mestiere del musicista.

Prendendo spunto dall’omonimo libro “Le dolenti note. Il mestiere del musicista: se lo conosci lo eviti”, scritto dalla stessa Banda Osiris ed edito da Ponte alle Grazie, lo storico quartetto dà vita a un viaggio musical-teatrale ai confini della realtà. Con l’abilità mimica, strumentale e canora che li contraddistingue, i quattro protagonisti si divertono con ironia a elargire provocatori consigli: dal perché è meglio evitare di diventare musicisti a come dissuadere i bambini ad avvicinarsi alla musica, da quali siano gli strumenti musicali da non suonare a come eliminare i musicisti più insopportabili.
Ingresso riservato ai soci Arci.

PROGRAMMA:

Venerdì 30 gennaio
ore 19:30 cena (contributo € 25,00)
ore 21:30 spettacolo (contributo € 10,00)

Sabato 31 gennaio
ore 19:30 cena (contributo € 25,00)
ore 21:30 spettacolo (contributo € 10,00)

Domenica 1 febbraio
ore 19:30 apertura bar
ore 20:30 concerto-spettacolo (contributo € 12,00)