Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La società annuncia che ridurrà le erogazioni: i debiti sono arrivati a 200 mila euro

FATTURE NON PAGATE: L'ATS CHIUDE I RUBINETTI A 35 CONDOMINI

"Nonostante i richiami nulla è cambiato: aspettiamo soldi da 4 anni"


TREVISO - La società Alto Trevigiano Servizi comunica che a partire dai prossimi giorni dovrà provvedere alla riduzione del servizio idrico per 35 condomini del Comune di Treviso che risultano morosi ormai da anni. Non pagare le bollette non può essere una regola.
A nulla sono serviti i numerosi richiami di ATS per sollecitare le fatture insolute. Ad oggi ancora 35 stabili trevigiani risultano non in regola con i pagamenti e la società, che gestisce il servizio idrico per 53 comuni, si vede costretta a ridurre la portata del servizio nelle abitazioni.
 “Non è assolutamente nostra intenzione staccare l’acqua – dichiara ATS –  ma la situazione, anche dopo molti richiami fatti con informative porta a porta, non si è ancora risolta. Si parla di fatture sollecitate dal 2011, a questo punto ci vediamo costretti a procedere con la riduzione dell’acqua. Siamo sempre in contatto con il Comune e i servizi sociali per valutare caso per caso e decidere come intervenire. Capiamo che possono esserci situazioni di difficoltà, abbiamo aspettato per 4 anni, ora però è nostro dovere procedere, nell’interesse della comunità e nel rispetto di tutti quegli utenti che pagano le bollette in modo puntuale”.
Dai prossimi giorni nelle abitazioni che risultano morose l’acqua non sarà più disponibile come prima ma uscirà dai rubinetti centellinata.  “Il debito che ormai si è accumulato è pari a circa 200 mila euro, - continua ATS - non possiamo più soprassedere, dobbiamo applicare il normale iter che la società prevede in caso di insoluti.”
“Abbiamo dato tutta la nostra disponibilità, - conclude la società - ma non abbiamo avuto nessuna risposta.  Al momento procederemo con la riduzione di portata, successivamente saremo costretti a chiudere il servizio.”