Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

INTERVISTA Claudio De Nardo (Antiqua Vox) e Massimiliano Simonetto (Baroquip)

MUSICA SACRA A SAN FRANCESCO CON LA PASSIONE DI SAN GIOVANNI

Oltre 60 elementi in scena sabato sera per la grande opera di Bach


Massimiliano Simonetto e Claudio De NardoTREVISO - Un capolvoro della musica sacra occidentale. E un grosso impegno organizzativo e finanziario per offrire alla città di Treviso un concerto che dispiega una massa di 60 elementi tra orchestra, coro e soli. Sabato 28 marzo alle 20.30 nella chiesa di San Francesco è proposta la Johannes Passion di J.S.Bach con Patrizia Cigna (soprano), Marina De Liso (contralto), Gernot Heinrich (tenore), Mauro Borgioni (basso) Guglielmo Buonsanti (basso), Orchestra Baroquip e Orchestra da camera Lorenzo da Ponte, Coro Santo Spirito di Ferrara diretti da Roberto Zarpellon. Così Antiqua vox intende festeggiare con la città e le sue istituzioni l'imminente festività pasquale, riportando a Treviso una delle più straordinarie opere che l'Occidente abbia mai potuto concepire. "Questo progetto- spiega Claudio De Nardo, presidente di Antiqua vox- mette in campo alcune tra le migliori energie musicali del territorio in un progetto su ampia scala che verrà replicato a Ferrara. Il senso dell'operazione è di far tornare a Treviso la grande musica sacra, quella che spesso non trova luogo nelle stagioni teatrali e, per evidenti motivi di contrazione economica, fatica a farsi largo anche tra i luoghi di culto". Raccontare in musica gli ultimi drammatici momenti della vita terrena di Cristo. Così la tradizone luterana affida alla musica il compito di restituire le complesse emozioni che la passione, con il sacrificio e la crocefissione, suscita nell'animo dell'uomo di fede. E rendere vibrante e dolente quel "Es ist vollbracht", tutto è compiuto, che sancisce la morte del figlio di Dio, come un atto cruento ma non definitivo. Nella Passione ben si esprime la sostanziale differenza tra la mentalità cattolica e quella luterana, animata da una luminosa speranza di futuro, cielo, resurrezione. Johann Sebastian Bach ricostruisce il racconto della passione di Gesù Cristo in una grande architettura per voci soliste, coro, orchestra e organo costruita sui capitoli 18 e 19 del Vangelo secondo Giovanni, inframmezzata da arie e corali su testo di Barthold Einrich Brockes. La prima esecuzione accertata della Johannes Passion ebbe luogo il 7 Aprile 1724 alla Nikolaikirche nel dies Parasceve. A differenza della successiva Passione secondo Matteo (composta nel 1727), di dimensioni ancora più mastodontiche ed incline ad una lettura del testo più teologica e speculativa, essa rivela una forte connotazione teatrale, un carattere spiccatamente drammatico ed un ritmo serrato e stringente. "Protagonista- scrive Roberto Brisotto nel libretto di sala del concerto- è il coro i cui frequenti interventi non si limitano ai numeri concertanti ed ai corali, e massimo rilievo viene dato agli eventi narrati resi con aderente plasticità".
Il progetto è stato realizzato grazie al sostegno di Lineagel, Rotary Club Treviso, Colortech e con il patrocinio di Regione Veneto, Mibac, Provincia di Treviso e Comune di Treviso.