Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/211: PATRICK REED INDOSSA LA GIACCA VERDE

Lo statunitense vince l'82° Masters di Augusta


TREVISO - È l’edizione ottantadue del Masters, che data 1930; uno dei quattro maggiori campionati del Golf. Si tiene all'Augusta National, in Georgia, il Paradiso del Golf. Un Campo molto particolare, bello e difficile, massimamente rappresentato da” Amen Corner”, il tratto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/210: A CA' DELLA NAVE BUON COMPLEANNO MAL

Gara (e festa) con protagonista il cantante dei Primitives


MARTELLAGO - A festeggiare la sua data di nascita avvenuta da qualche giorno, Mal (al secolo Paul Bradley Couling), il 28 marzo ha sponsorizzato una gara di Golf a Cà della Nave. Voleva festeggiare il suo compleanno in un Campo da Golf. La scelta del 28, a Cà della Nave, è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/209: AL VIA IL CHALLENGE 2018 DELL'AIGG

A Roma debutta la stagione dei giornalisti golfisti


ROMA - Il debutto del challenge AIGG ha ormai una sede consolidata: la prima gara dell’anno si gioca al Marco Simone Golf and Country Club, a Guidonia, nell’ospitalità raffinata di Lavinia Biagiotti Cigna. Lavinia è la deliziosa figlia di Laura Biagiotti, la grande donna...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Ripresa dall'alto dell'ex stabilimento, oggi il sopralluogo degli investigatori

CHIARI & FORTI A RISCHIO CROLLO, SPENTI GLI ULTIMI FOCOLAI

Prende quota la pista dell'atto vandalico, caccia ai testimoni


SILEA - (NC) Spunta ancora del fumo, provocato da alcuni focolai ancora accesi, dall'interno del Molino Toso dell'ex stabilimento "Chiari e Forti" di Silea, la struttura devastata dall'incendio divampato nel tardo pomeriggio di martedì. In mattinata erano ancora presenti in via Cendon una decina di vigili del fuoco per tenere monitorata la situazione e spegnere le fiammate che ancora comparivano qua e la lungo l'infinita distesa di tizzoni ardenti che fanno da pavimento all'edificio. L'ex fabbrica è ora, di fatto, un guscio vuoto: il rogo infernale che si è sviluppato ha distrutto sei piani in legno, quattordici cisterne, sempre di legno, che un tempo venivano utilizzate per contenere mais e farine e fatto crollare un muro interno di mattoni. Se la parte prospicente al fiume Melma, quella della torre, resta stabile, sono pericolanti le restanti mura perimetrali ed in particolare quella est che da sul piazzale interno del fabbricato. Non è da escludere, per motivi di sicurezza, un eventuale demolizione controllata di parte dello stabile. Intanto proseguono le indagini coordinate dal pubblico ministero Massimo de Bortoli che mercoledì aveva aperto un fascicolo d'indagine con "incendio doloso", come ipotesi di reato. Stamani la squadra di polizia giudiziaria dei vigili del fuoco ha svolto alcuni campionamenti di materiale che si trovava all'interno del fabbricato: le analisi saranno poi svolte dal laboratorio di Mestre del Corpo. Si cercano tracce di accellerante, come ad esempio benzina, che potrebbe aver dato il via all'incendio. Resta ovviamente viva la pista del dolo anche se nelle ultime ore sta prendendo corpo l'ipotesi di un atto vandalico vero e proprio: alcuni testimoni avrebbero notato dei giovani introdursi all'interno dell'area proprio martedì pomeriggio. Su questo versante si concentrano in queste ore le indagini svolte dai carabinieri di Treviso.

“Quanto è accaduto martedì sera all’ex “Chiari & Forti” di Silea è grave e molto preoccupante, soprattutto se sarà definitivamente accertata la matrice dolosa dell’incendio. Dopo aver sentito il Sindaco Silvano Piazza e considerato che la magistratura trevigiana, dopo la prima relazione tecnica dei vigili del fuoco, ha ritenuto opportuno aprire un’indagine contro ignoti per incendio doloso, questa mattina ho depositato un’interrogazione urgente al Ministro dell’Interno Angelino Alfano, perché sia fatta chiarezza sull’accaduto.”
Così Floriana Casellato, deputata trevigiana del Partito Democratico, che questa mattina ha depositato un’interrogazione a risposta scritta per il Ministro dell’Interno Alfano, in merito al rogo che ha distrutto il Mulino Toso, nel complesso ex Chiari e Forti di Silea.
“Considerando che l’intera struttura andrà all’asta domani mattina, l’incendio non solo è sospetto ma è inquietante, ed è importante fare assoluta chiarezza su quanto è successo. – prosegue la Casellato – Ho interrogato d’urgenza il Ministro chiedendo che anche da Roma si pretendano risposte certe e che, magari di concerto con la Regione, si vigili sulla trasparenza di operazioni immobiliari di questa portata.”
“L’incendio ha destato grande preoccupazione tra i residenti e tra i cittadini della provincia, sia per la gravità del gesto, sia per la compromissione dell’intera riqualificazione dell’area, a livello ambientale, economico e architettonico. – dichiara l’On. Casellato – Chiedo quindi ad Alfano che, in supporto con la magistratura locale, sia fatto tutto il possibile per evitare che questa operazione di riqualificazione e di rilancio economico possa diventare occasione per speculazioni, atti illeciti o, ipotesi ancora più grave, infiltrazioni criminose.”