Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Procura ha disposto ulteriori accertamenti sull'area interessata dall'incendio

ROGO DOLOSO: TELECAMERE AL SETACCIO E ISPETTORI ALL'ASTA

Occhi puntati anche sulla vendita dell'immobile, prevista venerdì



SILEA
– (gp) Accertamenti su l'intera area interessata dal rogo, visione di tutti i frame delle telecamere di videosorveglianza installate in zona e occhi puntati sull'esito e le procedure dell'asta. Sono queste le mosse della Procura di Treviso in merito all'incendio che ha distrutto l'ex Chiari & Forti di Silea. Se da un lato manca soltanto l'ufficialità della dolosità del rogo, dall'altro gli inquirenti intendono scovare chi abbia appiccato le fiamme. L'unica ipotesi plausibile infatti è quella del dolo: analizzate le modalità con cui le fiamme si sono propagate, non è infatti pensabile che possa essersi trattato di un evento accidentale. Serviranno alcuni giorni per capire quali e quanti siano stati i punti di innesco e quale accelerante sia stato utilizzato. Dall'analisi dei video delle telecamere installate in zona potrebbero emergere poi elementi utili a identificare chi quella sera si trovasse nelle vicinanze del Mulino Toso. Considerando infine che l'immobile verrà venduto all'asta, gli inquirenti hanno intenzione di monitorare anche come si svolgeranno le operazioni per cercare di capire a chi potrebbe aver giovato l'incendio. Domanda che si era fatto anche il sindaco di Silea Silvano Piazza che ha già emesso un'ordinanza che vieta l'accesso al sito.