Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Procura ha disposto ulteriori accertamenti sull'area interessata dall'incendio

ROGO DOLOSO: TELECAMERE AL SETACCIO E ISPETTORI ALL'ASTA

Occhi puntati anche sulla vendita dell'immobile, prevista venerdì



SILEA
– (gp) Accertamenti su l'intera area interessata dal rogo, visione di tutti i frame delle telecamere di videosorveglianza installate in zona e occhi puntati sull'esito e le procedure dell'asta. Sono queste le mosse della Procura di Treviso in merito all'incendio che ha distrutto l'ex Chiari & Forti di Silea. Se da un lato manca soltanto l'ufficialità della dolosità del rogo, dall'altro gli inquirenti intendono scovare chi abbia appiccato le fiamme. L'unica ipotesi plausibile infatti è quella del dolo: analizzate le modalità con cui le fiamme si sono propagate, non è infatti pensabile che possa essersi trattato di un evento accidentale. Serviranno alcuni giorni per capire quali e quanti siano stati i punti di innesco e quale accelerante sia stato utilizzato. Dall'analisi dei video delle telecamere installate in zona potrebbero emergere poi elementi utili a identificare chi quella sera si trovasse nelle vicinanze del Mulino Toso. Considerando infine che l'immobile verrà venduto all'asta, gli inquirenti hanno intenzione di monitorare anche come si svolgeranno le operazioni per cercare di capire a chi potrebbe aver giovato l'incendio. Domanda che si era fatto anche il sindaco di Silea Silvano Piazza che ha già emesso un'ordinanza che vieta l'accesso al sito.