Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

imputazione coatta per truffa nei confronti di un 40enne di Pieve di Soligo

COMPRA UN SUV "INESISTENTE": CONCESSIONARIO A PROCESSO

La vittima voleva acquistare una Bmw X5 importata dagli Usa


PIEVE DI SOLIGO – (gp) Compra un suv da un concessionario d'auto che importa veicoli usati dagli Stati Uniti ma, dopo aver versato oltre 20 mila euro, non vede la minima traccia della vettura. Denunciato il fatto alle autorità, la Procura di Treviso aveva dato il via alle indagini chiedendo però l'archiviazione del caso in quanto le condotte contestate all'indagato integrano più “un inadempimento contrattuale piuttosto che gli artifici e raggiri necessari a realizzare una truffa”.

Ma la vittima, difesa dagli avvocati Cristiana Polesel e Cristiana Zuccolotto, ha deciso di opporsi a quella richiesta di archiviazione e il giudice Bruno Casciarri, analizzate le fonti di prova, ha dato torto al pm disponendo l'imputazione coatta a carico del concessionario, un 40enne di Pieve di Soligo. Secondo l'accusa infatti l'uomo, dopo aver incassato il denaro per importare dagli Usa una Bmw X5, avrebbe fornito notizie false riguardo alle pratiche di sdoganamento e alla sostituzione di alcune centraline, solo per fare qualche esempio, per giustificare il pagamento anticipato delle somme pattuite.

La vittima, convinta di aver fatto un affare, avrebbe sempre assecondato le richieste di pagamento del concessionario, salvo poi nutrire dei sospetti quando, a distanza di qualche mese, l'auto non è mai arrivata a destinazione. Ora il 40enne, che difeso dall'avvocato Omar Meneghello si è anche offerto di restituire la somma intascata, dovrà affrontare un processo per truffa.