Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Sono fenomeni ben conosciuti, iniziati migliaia di anni fa e tutt'oggi ancora attivi"

SPAGNA: "LE SCOSSE SCARICANO L'ENERGIA DEL POTENZIALE SISMICO"

Parla il presidente dell'Ordine dei geologi del Veneto


TREVISO - "Le ultime scosse di terremoto che hanno interessato l'area a nord del Montello vanno associate a fenomeni sismogenetici ben conosciuti, iniziati migliaia di anni fa e tutt'oggi ancora attivi." Il Presidente dell’Ordine dei Geologi della Regione Veneto, Paolo Spagna, così commenta i fenomeni sismici avvenuti nel trevigiano negli ultimi giorni. Episodi di ordinaria amministrazione, rassicura il presidente Spagna, “da considerarsi in senso positivo poiché tendono a scaricare l'energia del sistema dal suo potenziale sismico accumulato lungo la faglia”, ma da non sottovalutare in termini di cautela. “Oggi nessuno è in grado di sapere quando si svilupperà l'evento catastrofico, ma sarebbe imperdonabile – sottolinea Spagna - che nel frattempo non si mettano in atto tutte quelle precauzioni tecniche che la normativa antisismica già prevede”. Tra queste, risale al 2012, all’indomani del terremoto del Polesine, la proposta dell’Ordine dei Geologi alla Regione Veneto di obbligare tutti i Comuni di dotarsi di uno studio di Microzonazione Sismica, in modo da avere uno strumento che "potesse essere di indirizzo programmatorio per le politiche di sviluppo del territorio, ma questo sembra che potrà essere possibile solo a partire dal 2016 e non prima, accumulando ritardi che possono rivelarsi fatali”. L’attenzione al problema è massima, e i margini d’intervento per presentare soluzioni immediate sono già stati sottoposti al vaglio dei candidati governatori della Regione Veneto, in vista delle prossime elezioni. “Abbiamo sottoposto ai candidati governatori un nostro manifesto al fine di contribuire a risolvere alcuni problemi importanti che incidono sullo sviluppo e la crescita della Regione – conclude Spagna -, tra cui anche la prevenzione e mitigazione del rischio sismico, in modo da stimolare attraverso lo studio puntuale della risposta sismica locale la ripresa consapevole degli investimenti privati per il miglioramento antisismico del patrimonio edilizio esistente, anche attraverso incentivi e sgravi fiscali".