Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Sono fenomeni ben conosciuti, iniziati migliaia di anni fa e tutt'oggi ancora attivi"

SPAGNA: "LE SCOSSE SCARICANO L'ENERGIA DEL POTENZIALE SISMICO"

Parla il presidente dell'Ordine dei geologi del Veneto


TREVISO - "Le ultime scosse di terremoto che hanno interessato l'area a nord del Montello vanno associate a fenomeni sismogenetici ben conosciuti, iniziati migliaia di anni fa e tutt'oggi ancora attivi." Il Presidente dell’Ordine dei Geologi della Regione Veneto, Paolo Spagna, così commenta i fenomeni sismici avvenuti nel trevigiano negli ultimi giorni. Episodi di ordinaria amministrazione, rassicura il presidente Spagna, “da considerarsi in senso positivo poiché tendono a scaricare l'energia del sistema dal suo potenziale sismico accumulato lungo la faglia”, ma da non sottovalutare in termini di cautela. “Oggi nessuno è in grado di sapere quando si svilupperà l'evento catastrofico, ma sarebbe imperdonabile – sottolinea Spagna - che nel frattempo non si mettano in atto tutte quelle precauzioni tecniche che la normativa antisismica già prevede”. Tra queste, risale al 2012, all’indomani del terremoto del Polesine, la proposta dell’Ordine dei Geologi alla Regione Veneto di obbligare tutti i Comuni di dotarsi di uno studio di Microzonazione Sismica, in modo da avere uno strumento che "potesse essere di indirizzo programmatorio per le politiche di sviluppo del territorio, ma questo sembra che potrà essere possibile solo a partire dal 2016 e non prima, accumulando ritardi che possono rivelarsi fatali”. L’attenzione al problema è massima, e i margini d’intervento per presentare soluzioni immediate sono già stati sottoposti al vaglio dei candidati governatori della Regione Veneto, in vista delle prossime elezioni. “Abbiamo sottoposto ai candidati governatori un nostro manifesto al fine di contribuire a risolvere alcuni problemi importanti che incidono sullo sviluppo e la crescita della Regione – conclude Spagna -, tra cui anche la prevenzione e mitigazione del rischio sismico, in modo da stimolare attraverso lo studio puntuale della risposta sismica locale la ripresa consapevole degli investimenti privati per il miglioramento antisismico del patrimonio edilizio esistente, anche attraverso incentivi e sgravi fiscali".