Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Canale d'Agordo, era bloccato in un canalone vicino alla cascata delle Comelle

SBAGLIA SENTIERO IN VAL GARES E FINISCE INCRODATO

Escursionista 46enne di Motta salvato dal Soccorso alpino


CANALE D'AGORDO - Escursionista trevigiano in difficoltà, salvato dal Soccorso alpino, in Val Gares, tra l'Agordino e il Primiero.
L'uomo, D. T., 46 anni, di Motta di Livenza, si era incamminato lungo il sentiero numero 704, poi però era inavvertitamente uscito dal percorso, finendo incrodato in un canale sulla destra della cascata delle Comelle, senza riuscire più a risalire o a scendere. Per sua fortuna, il malcapitato camminatore è riuscito a chiamare il 118, nonostante l'area sia quasi completamente priva di copertura telefonica. Intorno alle 10.30 è scattato l'allarme. In zona, peraltro, già si trovavano molti uomini del Soccorso alpino, impegnati nelle ricerche di un'altra persona dispersa da alcuni giorni. Una squadra, individuato il 46enne trevigiano, ha risalito dal basso il canalone e l'ha raggiunto: l'escursionista è stato assicurato e calato con le corde, per poi essere riaccompagnato lungo il sentiero fino alla strada.
Come detto una trentina di soccorritori stava battendo la zona dell'Orrido della Comelle, Banca delle Fede e Malga Stia alla ricerca di Luciano Bizzotto, un 55enne di Rosà, partito per un'escursione la mattina del 6 agosto e mai rientrato. Nelle scorse settimane sono state effettuate varie perlustrazioni senza esito: anche quest'ultima operazione, compiuta anche con l'aiuto di sette unità cinofile e concentrata nell'ultima parte dell'itinerario che il vicentino avrebbe dovuto seguire, non ha permesso di individuare alcuna traccia dell'uomo.