Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Canale d'Agordo, era bloccato in un canalone vicino alla cascata delle Comelle

SBAGLIA SENTIERO IN VAL GARES E FINISCE INCRODATO

Escursionista 46enne di Motta salvato dal Soccorso alpino


CANALE D'AGORDO - Escursionista trevigiano in difficoltà, salvato dal Soccorso alpino, in Val Gares, tra l'Agordino e il Primiero.
L'uomo, D. T., 46 anni, di Motta di Livenza, si era incamminato lungo il sentiero numero 704, poi però era inavvertitamente uscito dal percorso, finendo incrodato in un canale sulla destra della cascata delle Comelle, senza riuscire più a risalire o a scendere. Per sua fortuna, il malcapitato camminatore è riuscito a chiamare il 118, nonostante l'area sia quasi completamente priva di copertura telefonica. Intorno alle 10.30 è scattato l'allarme. In zona, peraltro, già si trovavano molti uomini del Soccorso alpino, impegnati nelle ricerche di un'altra persona dispersa da alcuni giorni. Una squadra, individuato il 46enne trevigiano, ha risalito dal basso il canalone e l'ha raggiunto: l'escursionista è stato assicurato e calato con le corde, per poi essere riaccompagnato lungo il sentiero fino alla strada.
Come detto una trentina di soccorritori stava battendo la zona dell'Orrido della Comelle, Banca delle Fede e Malga Stia alla ricerca di Luciano Bizzotto, un 55enne di Rosà, partito per un'escursione la mattina del 6 agosto e mai rientrato. Nelle scorse settimane sono state effettuate varie perlustrazioni senza esito: anche quest'ultima operazione, compiuta anche con l'aiuto di sette unità cinofile e concentrata nell'ultima parte dell'itinerario che il vicentino avrebbe dovuto seguire, non ha permesso di individuare alcuna traccia dell'uomo.