Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tre uomini e una donna stavano cercando di imbarcarsi per Dublino

DOCUMENTI FALSI: QUATTRO ARRESTATI AL CANOVA

Nel 2015 già 12 gli arresti e 23 i denunciati dalla Polaria



TREVISO
– (gp) Dodici arresti e ventitré denunce. E' questo il bilancio dei primi otto mesi del 2015 della Polaria in merito al controllo all'aeroporto Canova di Treviso sui documenti falsi presentati dai passeggeri. Gli ultimi in ordine di tempo sono tre cittadini cinesi (due uomini e una donna) e un cittadino romeno che sono finiti in manette per aver tentato di imbarcarsi su un volo diretto a Dublino con dei documenti contraffatti. La nova legge antiterrorismo, in vigore da marzo, non prevede più la semplice denuncia ma l'arresto. Prima che diventasse operativa, la Polaria ha denunciato dal primo gennaio 2015 ben 23 persone nate in Nigeria, Macedonia, Cina, Romania, Albania e Moldavia. I vertici della Polizia aeroportuale sottolineano come il livello di sicurezza sia stato innalzato e questi sono i risultati di un controllo più approfondito sui viaggiatori.