Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tre uomini e una donna stavano cercando di imbarcarsi per Dublino

DOCUMENTI FALSI: QUATTRO ARRESTATI AL CANOVA

Nel 2015 già 12 gli arresti e 23 i denunciati dalla Polaria



TREVISO
– (gp) Dodici arresti e ventitré denunce. E' questo il bilancio dei primi otto mesi del 2015 della Polaria in merito al controllo all'aeroporto Canova di Treviso sui documenti falsi presentati dai passeggeri. Gli ultimi in ordine di tempo sono tre cittadini cinesi (due uomini e una donna) e un cittadino romeno che sono finiti in manette per aver tentato di imbarcarsi su un volo diretto a Dublino con dei documenti contraffatti. La nova legge antiterrorismo, in vigore da marzo, non prevede più la semplice denuncia ma l'arresto. Prima che diventasse operativa, la Polaria ha denunciato dal primo gennaio 2015 ben 23 persone nate in Nigeria, Macedonia, Cina, Romania, Albania e Moldavia. I vertici della Polizia aeroportuale sottolineano come il livello di sicurezza sia stato innalzato e questi sono i risultati di un controllo più approfondito sui viaggiatori.