Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I progetti vagliati insieme ai confidi, poi subito il finanziamento

DA MONSILE UN MILIONE DI EURO PER LE NUOVE IMPRESE

Accordo con Confartigianato Treviso e Ascom Confcommercio


TREVISO - Un milione di euro (ma la cifra può aumentare secondo il numero di richieste) per finanziare nuove idee imprenditoriali. E' lo stanziamento messo a disposizione dalla banca di credito cooperativo di Monastier e del Sile, sulla base di un'intesa con il mandamento di Treviso di Confartigianato, Ascom Confcommercio Treviso ed i rispettivi consorzi fidi. I nuovi progetti verranno vagliati congiuntamente dai rappresentanti della bcc, delle associazioni e dei confidi: se ritenuti validi otterranno il finanziamento grazie ad un iter semplificato. Importo di 50mila euro, la taglia media delle pratiche dei confidi, a condizioni agevolate, con la copertura di rischio divisa a metà tra banca e consorzio. Per i neo imprenditori, il vincolo di rimanere per almeno tre anni iscritti all'associazione di categoria e di affidare ad essa anche la gestione contabile. Un modo, spiegano i promotori, per aiutare a tenere sotto controllo i conti nel periodo più difficile dello sviluppo dell'azienda.
L'iniziativa, spiega il presidente di Monsile, Renzo Canal, si rivolge ai giovani, ma anche alle molte persone più mature, che magari hanno perso il lavoro e vogliono rilanciarsi mettendosi in proprio. Un desiderio ancora ben vivo, nonostante i quasi otto anni di crisi, conferma Ennio Piovesan, numero uno del mandamento Confartigianato di Treviso, oltre 3mila imprese socie, del capoluogo e in 21 comuni del circondario. La conferma? Le sale piene agli incontri dedicati nei mesi scorsi dall'associazione alle start-up.
Ma l'accordo mira anche a rafforzare il legame tra sistema creditizio e tessuto di piccole e piccolissime imprese e del territorio. Un rapporto che ha contribuito allo sviluppo del modello economico nordestino, ma che, avverte Renato Salvadori, presidente della Confcommercio Treviso, rischia ora di essere azzerato dalla riforma delle Popolari e da quella ipotizzata del credito cooperativo. 

Galleria fotograficaGalleria fotografica