Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il cda prepara una capitalizzazione da un miliardo

VENETO BANCA, QUOTAZIONE IN BORSA ED AUMENTO DI CAPITALE

Sarą Banca Imi, gruppo Intesa, a seguire l'operazione


MONTEBELLUNA - Veneto Banca acellera sul percorso della trasformazione in spa, quotazione in Borsa e poi un successivo aumento di capitale. Il cda ha stabilito una ricapitalizzazione fino ad un miliardo di euro, da attuare nella prima metà del 2016.
E il consiglio ha definito anche chi accompagnerà l'istituto montebellunese in questo iter: sarà Banca Imi, del gruppo Intesa San Paolo.
Resta aperta anche l'ipotesi di aggregazione, ma il rafforzamento potrebbe preludere anche alla volontà di rimanere autonoma, una delle opzione sul tavolo del presidente Francesco Favotto e dei suoi collaboratori. "Veneto Banca - si legge in un comunicato dell'istituto - ribadita l’intenzione di procedere a una possibile integrazione con altro istituto bancario e dopo aver sottoposto all’esame della BCE il Capital Plan aggiornato volto al raggiungimento, anche prospetticamente, dei target patrimoniali assegnati, ha ottenuto il riconoscimento della piena sostenibilità dei processi avviati, mediante la sottoscrizione con Banca IMI - l’investment bank del Gruppo Intesa Sanpaolo - di un accordo di pre-garanzia relativo all’aumento di capitale in opzione, per un ammontare tale da coprire l’intero fabbisogno di capitale".
"Tramite tale accordo di pre-garanzia - continua la nota , Banca IMI si è impegnata a garantire, a condizioni e termini usuali per tale tipologia di operazioni, la sottoscrizione dell’aumento di capitale per la parte eventualmente rimasta non sottoscritta all’esito dell’offerta in Borsa dei diritti inoptati, nonché a promuovere la costituzione di un consorzio di garanzia allargato in prossimità dell’avvio dell’offerta in opzione. Il Consiglio ha inoltre nominato Banca IMI quale Global Coordinator e Bookrunner dell’aumento di capitale, nonché Sponsor del processo di quotazione in Borsa della banca".