Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Molti solo bisognosi di riposo dopo l'orrore: uno studio di Gerardo Favaretto

LA FOLLIA DELLA GUERRA: IL MANICOMIO DI TREVISO NEL PRIMO CONFLITTO MONDIALE

Quasi 1.600 militari ricoverati al Sant'Artemio fino a Caporetto


TREVISO - La grande, vera follia della guerra riflessa nella follia degli uomini che combatterono.
Dallo scoppio del primo conflitto mondiale fino all'autunno del 1917, il manicomio di Treviso accolse il maggior numero di militari tra i vari ospedali del Veneto: 1575 persone, poco più Una veduta storica dell'ospedale S. Artemiodei 1556 di Padova. Questa attività e le vicende di quei pazienti sono ora al centro di un saggio di Gerardo Favaretto, direttore del Dipartimento di salute mentale dell'Ulss 9 (lo studio può essere letto sul sito internet dell'azienda sanitaria, nell'apposita sezione dedicata alla Grande guerra). Basandosi su cartelle cliniche, relazioni delle commissioni mediche militari, rapporti sul funzionamento dell'ospedale, ma anche su foto, lettere scritte ma mai inviate dai ricoverati o ricevute dalle famiglie, disposizioni dei comandi militari.
Dopo la disfatta di Caporetto, anche il Sant'Artemio venne evacuato. Dall'ospedale di Treviso dipendevano varie altre strutture, case di salute o cronicari come si chiamavano all'epoca, a Crocetta, Valdobbiadene, Oderzo, Mogliano. Dopo la ritirata, alcune di queste passarano sotto il controllo degli austrici, spesso con conseguenze terrificanti.
“I soldati che arrivano in ospedale sono spesso confusi – spiega Favaretto -. Molti sono mutatici, ovvero non parlano, altri sembrano continuare a vivere in un incubo, vedono morti intorno a loro e sentono rumori di guerra. Alcuni sobbalzano a ogni minimo rumore, sono spaventati, temono che una minaccia possa celarsi dietro ogni ombra e ogni momento. Poi ci sono quelli che invece si sentono stanchi, svuotati, privi di energia, oppressi dal loro stesso essere al mondo, tristi, sconfortati. Altri ancora sono agitati, furiosi, aggressivi. I soldati ricoverati a S.Artemio saranno studiati, indagati, conosciuti nelle loro vite, relazioni, abitudini. Quasi il 40 % non ricevono una classica diagnosi ma vengono valutati di “ non competenza” ovvero non mostrano un evidente malattia psichiatrica ma un quadro più lieve, di prognosi benigna che si risolverà probabilmente con un periodo di riposo”.