Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Valdobbiadene, appuntamento domenica prossima alle 17

AL "FASOL MENIN PLAYS" IL DUO DISSONANCE

Il concerto di Roberto Caberlotto e Gilberto Meneghin


VALDOBBIADENE - Riprende a Valdobbiadene domenica 27 settembre alle 17.00 (ingresso 10 €) il "Fasol Menin Plays" con le fisarmoniche di Roberto Caberlotto e di Gilberto Meneghin che ci proporranno la musica di Johann Sebastian Bach, Maurice Ravel, dei contemporanei Francesco Schweizer, Fabrizio De Rossi Re e Andrea Talmelli."Un armadio vuoto che a poco a poco si popola di abiti nuovi, di taglio sartoriale, di capi vintage rimessi a modello, di fogge e colori. L'habitus della fisarmonica contemporanea ha questo di speciale: quel suo essere non essere uno strumento pop. Quindi bene gli effetti, bene le concessioni, ma necessario insieme andare al fondo delle sue possibilità espressive e soprattutto timbriche. Per costruire un repertorio però bisogna essere in due, forse in tre: da un lato il compositore che, affascinato dal suono o dall'effetto che può cavare dalle ance, sperimenta nuove soluzioni. Dall'altra l'interprete, che percorre una strada a volte solitaria ma perseverante, deciso a costruire una sua grammatica strumentale, lontano dalle facili seduzioni. E, ultima, la forza del passato che può parlare ancora con autorità e trasformarsi grazie alla pratica della trascrizione. Dall’incontro di diversi stimoli nasce Compositori ed Interpreti,un’iniziativa destinata a lasciare traccia nel futuro grazie alla lungimirante intuizione di creare un repertorio colto e attuale per la fisarmonica in duo.