Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Denunciato a piede libero dalla Polizia un 38enne nigeriano

HASHISH NELLE TASCHE DI UN PROFUGO: È IL TERZO CASO

Trovato con cinque grammi di droga: è ospite alla Serena



TREVISO
– (gp) Dopo i due arresti per spaccio effettuati al parco di Porta Altinia, un terzo profugo è stato scoperto in possesso di alcuni grammi di hashish. A denunciarlo a piede libero sono stati gli agenti della squadra mobile della Questura di Treviso che hanno trovato un nigeriano di 29 anni, di ritorno alla Caserma Serena nella quale è ospitato, con cinque involucri di hashish per un totale di poco inferiore ai cinque grammi. I poliziotti hanno proceduto al controllo del richiedente asilo vedendolo aggirarsi nei pressi della caserma con fare sospetto, come se cercasse di sfuggire agli occhi degli agenti impegnati nel presidio fisso di fronte alla struttura che accoglie i migranti. Vista la modica quantità, non è scattato l'arresto ma soltanto la denuncia, oltre alla segnalazione alla prefettura.