Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vittorio Veneto, "teca interattiva" per portatori di pacemaker

INAUGURATA LA PIASTRA AMBULATORIALE E L’UNITÀ OPERATIVA DI LUNGODEGENZA

Doppio taglio del nastro sabato scorso al nosocomio di Costa


VITTORIO VENETO - Doppio taglio del nastro, sabato scorso all’Ospedale di Vittorio Veneto dove, alla presenza di numerose autorità tra cui i i Consiglieri Regionali Gianpiero Possamai e Alberto Villanova e il Sindaco di Vittorio Veneto, Roberto Tonon, sono stati inaugurati la rinnovata Piastra Ambulatoriale e l’Unità Operativa di Lungodegenza. Presso il nosocomio di Costa è stata attivata, inoltre, un’innovativa “teca interattiva” per il monitoraggio a distanza dei portatori di pacemaker.
La Piastra Ambulatoriale è stata completamente organizzata e ristrutturata, con un intervento durato circa quattro mesi e suddiviso in tre step: la nuova Piastra si estende su una superficie di circa 2.000 mq e comprende 36 ambulatori, 4 sale d’attesa, un punto distribuzione diretta dei farmaci, un’area accettazione e un front-office dedicati.
“Questo intervento, che rappresenta uno dei tasselli del potenziamento dell’ospedale di Vittorio Veneto - sottolinea il direttore generale dell’Ulss 7, Gian Antonio Dei Tos - ci ha consentito, oltre alla riqualificazione strutturale, anche una riorganizzazione funzionale in un’ottica multidisciplinare dell’assistenza al paziente, concentrando tutte le attività ambulatoriali delle diverse specialità chirurgiche, mediche e dei servizi assistenziali, in precedenza distribuite su vari piani del presidio ospedaliero, in un’unica area. A servizio della nuova Piastra Ambulatoriale ci sono un front-office e un’accettazione dedicati, che garantiscono una presa in carico più efficace ed efficiente degli utenti. Con questo intervento, con il quale abbiamo completato il rinnovamento del piano rialzato - aggiunge Dei Tos - l’ospedale di Vittorio Veneto fa un ulteriore salto di qualità, sia strutturale che funzionale”.  L’investimento, per la realizzazione della nuova Piastra ambulatoriale è stato di circa 400.000 euro.
Nella nuova Piastra Ambulatoriale è stata collocata anche una “teca interattiva” che permetterà ai pazienti vittoriesi portatori di pacemaker di non doversi più recare presso l’Ospedale di Conegliano per far controllare l’apparecchio. Sarà possibile effettuare il monitoraggio, infatti, semplicemente avvicinandosi alla teca, che contiene un monitor trasmettitore che invia, in tempo reale, tutte le informazioni all’ambulatorio di cardiologia del Santa Maria dei Battuti. “Questo nuovo, innovativo sistema di controllo remoto, messo a punto dall’Unità Operativa diretta dal dr. Turiano, in collaborazione con una multinazionale leader nell’ambito dell’Health Technology System, rappresenta un ulteriore passo avanti nell’ambito delle possibilità offerte dalla telemedicina - precisa Dei Tos -. Il progetto, che rappresenta un’anteprima a livello nazionale, ci permetterà di migliorare la qualità e la continuità dell’assistenza offerta ai portatori di pacemaker del vittoriese”.
Ad accogliere i 29 posti letto dell’Unità Operativa di Lungodegenza sarà, dal 16 dicembre, l’ala A del terzo piano del nosocomio di Costa: i pazienti saranno ospitati in stanze completamente rinnovate, sia a livello strutturale che negli arredi, nell’ambito di un intervento di ristrutturazione durato un paio di mesi e volto a migliorare il comfort per i degenti. Il reparto diretto dal dr. Giulio Possamai, attualmente collocato al De Gironcoli di Conegliano, andrà a completare, in base a quanto previsto dalle schede di dotazione ospedaliere per il Presidio Ospedaliero di Vittorio Veneto, il Dipartimento Strutturale di area riabilitativa.